LOCRI: GIOVANE IN MANETTE PER RAPINE E LESIONI AGGRAVATE

carabinieriImportante colpo della Compagnia di Locri, in particolare del nucleo operativo e della locale stazione, guidata dal Mar.ca. Pietro Pizzati, che hanno arrestato un minore, F.A., perche’ ritenuto responsabile di rapine, pluriaggravate anche dall’aver agito con finalità di discriminazione e odio etnico, lesioni aggravate e porto di arma atta ad offendere.
L’arresto e’ avvenuto in esecuzione di un’ordinanza coercitiva emessa dal G.I.P. presso il tribunale dei minorenni di Reggio Calabria, su richiesta della procura dei minorenni, guidata dal Procuratore Capo Dott. Macri’, che concordava pienamente con le risultanze rapportate dai Carabinieri. Il giovane, incensurato, rappresenta la terza generazione di una famiglia locrese saldamente legata alla ‘ndrangheta.
Il minore e’ ritenuto responsabile di aver rapinato, nel maggio scorso, un extracomunitario indiano del portafogli e del cellulare, procurandogli anche lesioni aggravate e di aver tentato, sempre nella stessa giornata del maggio 2010, di rapinare, in due distinti episodi, altri due indiani, procurando loro lesioni aggravate anche al volto, utilizzando un coltello.

Questi gravi reati sono inoltre pluriaggravati anche dall’aver agito con finalità di discriminazione e odio etnico. Scrive infatti il Gip, Dott.ssa Grieco, che “le violente, ripetute condotte poste in essere risultano aggravate dalla circostanza (…) che si sono indirizzate verso soggetti appartenenti ad una stessa etnia, quella indiana, con modalita’ tali da evidenziare un particolare odio e acronia verso questa categoria di soggetti quali vittime prescelte (…) e destinatarie di aggressione connotata da attributi di violenza particolarmente efferata (…)  che puo’ trovare solo giustificazione nell’odio verso i cittadini indiani e nel manifesto pregiudizio i inferiorita’ di questa sola razza”.

Nell’indagine svolta dai Carabinieri di Locri e’ stata particolarmente utile la collaborazione offerta dalle vittime, giovani indiani, che non hanno esitato a denunciare i fatti e contruirle all’identificazione dell’autore. Gli indiani residenti a Locri avevano gia’ fornite il loro contributo nella nota operazione “Lacks” condotta nel giugno 2009 con decine di arresti dalla compagnia di Locri, che sgomino’ un’associazione per delinquere finalizzata all’ingresso e alla permanenza clandestina in italia di indiani. Il minore e’ stato associato all’istituto penitenziario per i minorenni di Catanzaro, come disposto dall’A.G. .    — FONTE: strill.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...