MELO FRANCHINA: ARCHITETTO MESSINESE ED ARTISTA DEL PACIFISMO. OGGI A ROMA UNA MOSTRA IN SUO ONORE

 
nowardi Stefano Perri (per www.strill.it) Melo Franchina nato a Castel Umberto in provincia di Messina, il 31 maggio del 1949, ha vissuto quasi interamente la sua vita nella Capitale dove ha svolto la professione di architetto. 
Pace, ambiente ed aspirazione ad un altro mondo possibile sono i temi prevalenti nelle sue opere, un artista impegnato nel Movimento altermondialista. I suoi progetti, dalla valenza artistica e politica, sono guidati da un elemento narrativo ed attingono a linguaggi differenti: installazioni, fotografia, pittura, scrittura, architettura. Ogni progetto si inserisce in un percorso che tende a costruire reti di relazioni ed eventi, per incidere sulla presa di coscienza collettiva di ciò che tende a rimanere invisibile. Famoso è il suo scatto che immortalò nel l’iniziativa del movimento pacifista italiano che compose con fiaccole illuminate le parole NO WAR sul prato del Circo Massimo.
 
melofranchinaOggi 31 maggio, giorno del compleanno di Melo Franchina, si svolgerà presso il suo studio romano di Via Orvieto, aperto al pubblico per l’occasione, un incontro coi giovani artisti partecipanti al concorso. Verrà allestita una mostra delle opere di Melo ispirate alla pace e delle opere pervenute segnalate dalla giuria del concorso. Si svolgerà la premiazione con letture musica e intrattenimento artistico.
Il concorso prevede due sezioni, riservate ad opere figurative dedicate al tema della pace (per il regolamento del concorso vedi la voce concorso sulla pagina della bacheca di Melo Arte).
A tutti i giovani artisti concorrenti sarà data visibilità sulla pagina facebook MELOARTE e dedicata all’artista di recente scomparso
La giuria è formata da Tano D’Amico, foografo, Patrizia Casetta, fotografa, Armando Profumi, pittore, Linda Vignato, illustrtrice, Nella Giambarresi, pittrice. Il premio per i 2 vincitori delle due sezioni consisterà in una settimana di soggiorno per 2 persone nell’isola di Salina presso la casa dell’artista durante il mese di luglio o settembre 2011 (data da concordare con gli interessati/e).
La casa di Salina, denominata Casa del Gabbiano, è visibile sul sito www.casadelgabbiano.altervista.org .