Il grillismo un male necessario: uno Stato febbrile fastidioso ma utile

beppe-grillo_620x410di Stefano Perri – I grillini non uccideranno lo Stato, né certamente lo salveranno. Il fenomeno dell’ascesa (esplosione oserei dire vista l’assoluta repentinità) del Movimento 5 Stelle in Italia è un processo di enorme portata che va assolutamente storicizzato nel contesto temporale ed analizzato in maniera obiettiva.

D’altronde di analisi superficiali ne abbiamo già lette in quantità. Se i grillini mangeranno o no al ristorante della Camera o del Senato, se prenderanno antipasto e primo oppure anche il secondo, diciamocelo chiaramente: non ce ne frega granché. E anche se molti colleghi giornalisti, caduti nella trappola sapiente della comunicazione grillina, continuano a inseguire gli ”attivisti” sperando di coglierli in fallo proponendo scoops da due lire, il ragionamento, almeno in questa occasione dovrebbe andare un tantino oltre. Continua a leggere

TUTTI I COSTI DELLA POLITICA REGIONALE CALABRESE


di Stefano Perri – Anno Domini 2011. Il taglio va di moda. O meglio, la chiacchiera sul taglio va di moda. Il vocabolario della politica sembra essersi inceppato come un disco rotto su un unico ridondante e sempre vincente concetto. Ridurre i costi. Tagliare. Praticamente tutti d’accordo quando di tagli sui costi della politica si parla. I distinguo iniziano quando dalle parole si tratta di passare ai fatti. E a  fronte di un parlamento che ogni anno spende milioni di euro per automantenersi anche le Regioni rappresentano una spesa sostanziale per le finanze dello Stato. Alcune più di altre.

La Calabria da questo punto di vista non fa eccezione. Anzi, come ormai da anni succede, i dati indicano che si tratta di una delle Regioni più spendaccione in ambito politico. Mantenere il Consiglio e la Giunta, tra retribuzioni e rimborsi, costa ogni anno ai calabresi decine di milioni di euro. Ma andando nel dettaglio cerchiamo di capire realmente quali sono le voci reali della spesa. Dove va a finire una parte cosi cospicua dei soldi dei contribuenti? Quali sono i benefici di cui godono gli eletti del mondo dorato di Palazzo Campanella? Continua a leggere

REFERENDUM 2011: UNA BREVE SPIEGAZIONE DEI 4 QUESITI

12 e 13 giugno saremo chiamati ad esprimerci su quattro quesiti referendari. Due riguardano l’acqua, uno la costruzione di centrali nucleari e l’altro il legittimo impedimento. Ecco una breve ma esauriente spiegazione di tutti e quattro i quesiti, per meglio convincere le persone ad andare a votare e a come votare.

1° quesito (scheda rossa). Si tratta delle modalità di affidamento e gestione dei servizi pubblici locali di rilevanza economica, tra cui l’acqua. BARRANDO SI il votante intende abrogare, cioè abolire, l’art. 23 bis del decreto legge 112/2008, poi convertito in legge 133/2008, che stabilisce come modalità principale quella dell’affidamento della gestione del servizio idrico a privati , o attarverso una gara o tramite una società con capitale misto pubblico e privato e in cui il privato sia scelto attraverso gara e detenga almeno il 40% del capitale. Quindi BARRANDO SI non si vuole l’affidamento, e la conseguente gestione, del servizio idrico ai privati e si vuole che l’acqua rimanga un bene pubblico.

2° quesito (scheda gialla). Il secondo quesito è un po’ più tecnico. Se vinceranno i SI verrà abrogato il primo comma dell’art.154 del decreto legislativo 152/2006 che riguarda l’adeguatezza della remunerazione del capitale investito da parte del privato sulla gestione del servizio idrico e, quindi, l’adeguamento delle tariffe sull’acqua. Sostanzialmente BARRANDO SI il votante non vuole l’aumento delle tariffe sull’acqua finalizzato al profitto del privato, al guadagno d’impresa, piuttosto che alle spese di gestione e all’efficienza del servizio. Ecco perchè, negli ultimi anni, siamo stati vittime di continui aumenti della bolletta dell’acqua anche in presenza di un servizio carente.

3° quesito (scheda grigia). Il terzo quesito riguarda il cosiddetto programma nucleare, cioè la scelta del nucleare e la possibilità di costruire centrali nucleari nel territorio nazionale. In particolare, al di là della lunghezza del quesito che troveremo sulla scheda grigia, BARRANDO SI il votante vuole l’abrogazione di quella parte del decreto legge 112/2008 che prevede la costruzione di centrali nucleari. Chi non vuole il nucleare in Italia deve BARRARE SI.

4° quesito (scheda verde). Riguarda l’abrogazione di alcune norme, contenute nella legge 51/2010, che consentono al Presidente del Consiglio di non comparire in udienza penale, qualora imputato, invocando il cosiddetto “legittimo impedimento”, cioè dichiarando il concomitante esercizio, per quel giorno, di attività legate alle funzioni di governo. I ministri possono invocare il legittimo impedimento per l’esercizio di attività previste da leggi e regolamenti che ne disiplinano le attribuzioni. BARRANDO SI il votante vuole cancellare il legittimo impedimento perchè la legge sia uguale per tutti.

Quindi, per dire no all’acqua ai privati e all’aumento delle tariffe, no al nucleare e no al legittimo impedimento BISOGNA BARRERE SI in tutte e quattro le schede.

REGGIO: “NON BOMBE MA CARAMELLE” LA DIRETTRICE DELL’ASILO RESPINGE LA SOLIDARIETA’ DEL MONDO ANTIMAFIA

caramelledi Stefano Perri – Era stata fissata per stamattina la manifestazione di solidarietà per i bambini dell’asilo comunale “Padre Gaetano Catanoso” di Reggio Calabria nel rione San Cristoforo, oggetto negli scorsi giorni di una vile intimidazione. Un ordigno rudimentale contenente 200 grammi di esplosivo era stato infatti ritrovato all’interno del cortile dell’istituto scolastico, a pochi metri dal cancello d’ingresso.  Un atto peraltro non isolato, visto che solo poco tempo prima erano state incendiate quattro aule di un altro asilo comunale, il “De Gasperi” del rione Condera, che dista dall’asilo Catanoso nemmeno 500 metri. “Non bombe ma caramelle, fiori e sorrisi”  era lo slogan della manifestazione odierna. “Riteniamo che il modo migliore per esprimere la nostra stima, la solidarietà e l’affetto ai bambini, le loro famiglie e il personale docente e amministrativo di San Cristoforo sia quello di recarci presso l’asilo e donare loro ciò che meritano” avevano dichiarato negli scorsi giorni gli organizzatori. Un atto di solidarietà che però non è piaciuto alla Direttrice della scuola materna Francesca Arena che ha negato ai manifestanti l’accesso nell’ampio cortile della struttura.  “Non voglio che l’intimidazione venga strumentalizzata – ha dichiarato la Direttrice a Strill.it – solo i genitori possono accedere all’interno dell’asilo e non posso permettere che i nostri allievi vengano a contatto con degli sconosciuti, tanto più che vengano loro offerte delle caramelle. E’ mio compito garantire l’incolumità e la sicurezza dei bambini che frequentano l’asilo”. Continua a leggere

REGGIO: ARRIVANO I PIANTAGRANO E I LORO ATTACCHI BOTANICI

I piantagrano

di Stefano Perri – Si è svolta a Reggio Calabria la prima azione di “Guerrilla Gardening”, promossa dal gruppo di Facebook “I Piantagrano”, a cui hanno dato vita tra gli altri il Meetup di Beppe Grillo e l’associazione “Combattivamente”. Obiettivo della “missione”, il recupero di un’aiuola abbandonata al degrado nel Rione Marconi, alle spalle della scuola elementare Ceravolo, a pochi passi dal Viale Europa. Un’area divenuta pattumiera e cielo aperto ed utilizzata per far espletare i bisogni corporali agli animali domestici della zona.
Dopo aver ripulito lo spazio da erbacce, carte e rifiuti di ogni genere e sistemato il terreno, nel giro di alcune ore i “guerriglieri verdi” hanno messo a dimora numerose piantine multicolori ed allestito delle coreografie con fiori, cactus e pietre. Tutto questo, davanti agli sguardi prima perplessi e poi compiacenti degli abitanti del luogo che, pian piano, hanno rotto gli indugi e  apprezzato l’iniziativa, mettendo a disposizione altre piante e fornendo qualche dritta.
“Non è che l’inizio: vogliamo combattere con le nostre azioni il grigiore e il degrado in cui versano i quartieri popolari e le periferie di Reggio”, ha affermato Cheyenne Curatola di “Combattivamente”, “dimostrando che quando le amministrazioni pubbliche sono latitanti, i cittadini possono e devono autorganizzarsi, riprendendosi i propri spazi e rendendoli più vivibili e gradevoli”. Presente all’iniziativa il consigliere provinciale del Prc Omar Minniti, anch’egli con la vanga in mano: “quella di stamattina è stata un’azione pacifica ma fortemente rivoluzionaria, mossa dalla volontà di far tornare ai reggini il gusto del bello”. “In una città dominata dal grigio cemento e dal mattone forato”, prosegue Minniti, “il recupero delle aree verdi, lo stimolo del senso civico e della partecipazione popolare, può contribuire ad ingenerare voglia di cambiamento, a far uscire la gente dalle gabbie dell’individualismo e l’indifferenza in cui è stata confinata”. Infatti, terminata l’azione dei “Piantagrano”, ora toccherà agli abitanti delle palazzine di Rione Marconi prendersi cura dell’aiuola rinata: a loro il compito abbeverare e curare le giovani piantine e di preservare il luogo dai vandali. Alcuni abitanti hanno già dato la loro disponibilità. Forse qualcosa si muove davvero… Staremo a vedere. Intanto, i promotori del “Guerrilla Gardening” sono pronti ad annunciare altre incursioni a sorpresa in diversi rioni della città: se li incontrate, non esitate anche voi ad impugnare la zappa e l’innaffiatoio.

LEGGI L’ARTICOLO SU STRILL.IT —> http://www.strill.it/index.php?option=com_content&view=article&id=72131:reggio-arrivano-i-piantagrano-e-i-loro-qattacchi-botaniciq&catid=40:reggio&Itemid=86