REGGIO: ANTONINO LO GIUDICE COLLABORA CON LA DDA E CONFESSA DEGLI ATTENTATI IN PROCURA E A DI LANDRO

attentatopg2Antonino Lo Giudice, il boss della ‘ndrangheta arrestato lo scorso 7 ottobre 2010 su provvedimento emesso dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Reggio Calabria, a firma del Procuratore Aggiunto Dott. Michele Prestipino e dei Sostituti Procuratori Dott. Giuseppe Lombardo, Dott. Marco Colamonici e Dott.ssa Beatrice Ronchi, ha deciso di collaborare con la Dda ed ha dichiarato di essere l’organizzatore degli attentati alla Procura Generale (il 3 gennaio scorso) e all’abitazione del Procuratore Generale Di Landro (il 26 agosto scorso). Lo ha detto all’ANSA il Procuratore della Repubblica di Reggio, Giuseppe Pignatone. Lo Giudice ha detto anche di essere stato lui a fare collocare nei giorni scorsi un bazooka ritrovato davanti alla sede della Dda. ”Questi atti – ha aggiunto – sono gia’ stati trasmessi alla Dda di Catanzaro per le sue valutazioni”. Pignatone ha riferito anche che ”nella notte, su indicazioni dello stesso Lo Giudice, sono state sequestrate 11 armi lunghe. Si e’ anche proceduto all’interrogatorio di Luciano Lo Giudice, fratello di Antonino, che si e’ avvalso della facolta’ di non rispondere”.

REGGIO: DEFINITA LA DISPOSIZIONE DELL’ESERCITO. IL PREFETTO SPIEGA: 75 UOMINI PER 4 OBIETTIVI SENSIBILI

varrattadi Stefano Perri – Definito stamane il profilo del dispiegamento delle forze armate nella città di Reggio Calabria. La decisione è stata presa nel corso del vertice del Comitato Ordine e Sicurezza che ha avuto luogo stamattina presso la Prefettura  di Reggio Calabria.
Alla riunione era presente oltre al Prefetto Luigi Varratta, anche il Colonnello dell’Esercito Francesco Rizzo del 62° Reggimento Fanteria “Sicilia” di Catania. Assieme a loro i Procuratori Giuseppe Pignatone e Salvatore Di Landro oltre ai rappresentanti di Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza.
75 uomini dislocati presso 4 obiettivi sensibili. In particolare è previsto l’impiego di 45 uomini presso il Cedir, 10 sotto casa del Procuratore Salvatore Di Landro, 10 presso la Corte d’Appello e 10 di fronte la Procura Generale. “E’ possibile che vi siano altri obiettivi in questo momento a rischio – spiega a Strill.it il Prefetto Varratta – ma in questo momento non è facile prevederlo. Noi stiamo lavorando affinchè non si verifichino più attentati o intimidazioni. Non è ancora previsto un termine specifico per l’impiego dell’Esercito anche se noi speriamo al più presto di poterlo disimpegnare perché a quel punto vorrà dire che non ce ne sarà più bisogno”.
Continua a leggere