VIAGGIO NEL MONDO UNIVERSITARIO: LA CULTURA COME STRUMENTO DI EMANCIPAZIONE E LEGALITA’

universitamessinadi Stefano Perri – Da giorni gli atenei vivono una situazione di difficoltà dovuta al fatto che molti dei ricercatori che nei fatti hanno contribuito fin ad ora al normale scorrere delle attività accademiche (lezioni ed esami compresi)  hanno smesso di svolgere attività in forma gratuita e non retribuita,  praticamente dall’inizio di ottobre.  Una situazione simile si registra anche tra gli studenti, che solidarizzando con i ricercatori e portando loro stessi una serie di istanze e di richieste, stanno organizzando da giorni iniziative e assemblee per focalizzare l’attenzione sulla politica di gestione del sistema universitario.
In territori difficili come quelli sui quali insistono gli atenei di Messina, Reggio e Cosenza, l’università rappresenta un avamposto di sviluppo e di emancipazione per tanti giovani che ad oggi si vedono privati di un futuro stabile a causa delle scelte scellerate gestite dalle precedenti generazioni. Discutere di Università in Calabria e nell’area dello Stretto significa dunque discutere di sviluppo, di economia e in un certo senso anche di democrazia.
Fin dai tempi del meridionalismo classico il mondo della cultura viene infatti indicato come uno dei mezzi per eliminare il gap socioeconomico che divide la penisola italiana a metà. Continua a leggere

NASCE “LO STRETTO NECESSARIO” IL NUOVO MENSILE FREE PRESS DELL’AREA DELLO STRETTO

E’ nato ‘Lo Stretto Necessario’, un mensile freepress di attualità, cultura, costume, società, scienza, natura, arte, musica e sport dedicato all’Area dello Stretto di Messina.

La rivista, di 52 pagine, nasce da un’idea di Giuseppe Falcone, imprenditore reggino, e vuole “rivolgersi al territorio delle province di Reggio e di Messina con una doppia missione culturale: essere una finestra da e per il mondo. Portare nello Stretto storie e tematiche provenienti da Paesi e Continenti vicini e lontani sulle tematiche più varie e particolari, ma non solo. Vorremmo anche, senza pretese e partendo dal basso, amalgamare e rendere sempre più forte la cultura comune tra le due sponde dello Stretto”, come scrive lo stesso Falcone nell’editoriale del numero zero, in distribuzione gratuita da oggi.

Con una tiratura di dieci mila copie, il numero zero contiene uno speciale sulle alluvioni e sul maltempo curato da Peppe Caridi di MeteoWeb e un approfondimento sulle Università di Messina e Reggio Calabria, con la storia dei due atenei e varie notizie sul mondo accademico curato da Stefano PerriFabio Delfino. Altri articoli sono dedicati alla Riserva Naturale dei Monti Campanito e Sambughetti, al film su Sant’Umile di Bisognano girato interamente in Calabria, al mondo della scuola e della formazione, al kitesurf e al gruppo musicale ‘Via del Campo’ con un’intervista esclusiva. Alla realizzazione di questo numero del giornale hanno collaborato anche Paolo FalconeDaniela ScamporrinoTeresa Scarfò. Il progetto grafico è stato curato da Giuseppina Cassalia.

Ancora nell’editoriale, Giuseppe Falcone spiega la ‘mission’ di questa nuova rivista: “Vogliamo ulteriormente avvicinare messinesi e reggini, diventando il loro punto di riferimento letterario, giornalistico e culturale. Lo vogliamo fare nel modo più vario possibile, dalla politica all’attualità, dal cinema alla musica, dal teatro allo sport, dalla natura alle curiosità. Parleremo di tutto e di più, ma con un unico collante legato al nostro target che sono i cittadini dell’Area dello Stretto. Lo faremo con grande impegno e attenzione alle esigenze del territorio, a partire dalla scelta degli argomenti di maggior interesse popolare. E lo faremo anche coinvolgendo voi lettori, pubblicando lettere, commenti e riflessioni. Distribuiremo il giornale a Reggio, Messina e nei principali centri delle due province, sperando che possa presto diventare un punto di riferimento piacevole e gradito”.

Per il resto – conclude Falcone – dateci tempo: questo è solo l’inizio di un’avventura giovanile ed entusiasmante. Vogliamo essere quel sasso che smuove le acque del mare, di questo Stretto così bello e affascinante. Così necessario, come speriamo di diventare per tutti voi”.

Il n° 1 del giornale è già in lavorazione e uscirà a fine novembre con uno Speciale sulle Festività Natalizie e alcuni approfondimenti di attualità sulla ‘ndrangheta e sull’esercito a Reggio.

Per info: lostrettonecessario@gmail.com

IL GIRO DEL MONDO PER IL PREMIO NOSSIDE 2010

Il XXVI Premio Mondiale di Poesia Nosside ( www.nosside.orgwww.centrostudibosio.it ) ha iniziato con larghi consensi il suo Viaggio del 2010 a Cuba nella Fiera Internazionale del Libro dell’Avana. Nella Sala “José Lezama Lima” traboccante di pubblico sono intervenuti l’Ambasciatore d’Italia a Cuba S.E. Marco Baccin, per il Premio Nosside il Presidente Fondatore Pasquale Amato, la Segretaria Generale Mariela Johnson Salfrán e il Membro della Giuria 2009 Mayerin Bello Valdéz; per la Provincia di Reggio Calabria l’Assessore alla CulturaSanto Gioffré; per la Societá “Dante Alighieri” dell’Avana la Direttrice Giuseppina Moscatelli; e per il Comitato Organizzatore della Fiera il Direttore del Programma Culturale Edel Morales. Continua a leggere

ROCCELLA JONICA: UN BARCONE MURALES IN MEMORIA DEGLI IMMIGRATI

di Grazia Candido – Al porto di Roccella Jonica creato un barcone-murales in memoria degli immigrati. Firmato dai famosi Cyop&Kaf, il barcone-murales è un’opera-simbolo che rimarrà esposta a Roccella e, come un monumento nella sua maestosità, spronerà le coscienze a riflettere e lottare per un mondo senza più barriere culturali. Terribilmente soli, o quasi, questi oramai ricercati artisti  continuano  imperterriti nel loro maniacale impegno di diffusione di segni  “anomali, irrequieti, talvolta inquietanti”. Nel disperato tentativo  di risvegliare l’anestetizzato “spirito critico” del  popolo italiano, i lavori di Cyop&Kaf si infiltrano  nei più scuri vicoli, nei quartieri borghesi, nelle periferie più  degradate, nelle gallerie d’arte, nelle menti più reazionarie e si  propongono come sabbia  nell’ingranaggio del mono-pensiero imperante. L’opera è inserita nella IV rassegna “Straniamenti 2010: 106 Metamorfosi”, diretta da Gabriella Maiolo e Adelaide Di Nunzio, con l’organizzazione di Fabio Macagnino e la produzione dell’associazione culturale “Straniamenti” che, con il patrocinio della Provincia di Reggio Calabria (Assessorato alla Formazione professionale-Sport-Politiche sociali e Consigliera di Parità) e dei Comuni di Roccella Jonica e Gioiosa Jonica, è riuscita anche quest’anno a riunire artisti, attori, registi provenienti dall’Italia e dall’Europa. Formazioni, stili, personalità diverse pronte ad interagire e confrontarsi in un tour de force “culturale” dove  il principio cardine è il rapporto costante con il territorio che diventa condizione essenziale per un cambiamento sociale. Lo hanno dimostrato in questi giorni con le loro rappresentazioni, creazioni artistiche, spettacoli che hanno trattato tematiche molto forti, di denuncia e partendo proprio dal territorio calabrese, sono riusciti ad uscir fuori dall’ambito nazionale. Continua a leggere

CALIGIURI: IL TURISMO CALABRESE PUNTI SULLA CULTURA

di Stefano Perri – Una Calabria che punta sul turismo e sullo sviluppo culturale del suo territorio. Un proposito scontato che però oggi assume i toni dell’ultima chiamata.  Mario Caligiuri, Assessore alla cultura ed ai beni culturali della nuova Giunta Scopelliti e da poco nominato Coordinatore della sesta commissione dell’Assemblea delle Regioni, quella dedicata a “Beni e Attività Culturali”sembra avere le idee chiare sui progetti per lo sviluppo del turismo calabrese.
Una Regione che “intende puntare sulla cultura”, come traino di crescita offrendo un biglietto da visita che va a fare il paio con le bellezze ambientali delle coste e delle montagne calabresi.
“Ci candidiamo a recitare un ruolo importante per l’intera nazione, ribadendo la dimensione fondamentale delle dinamiche culturali per sviluppo civile e lo sviluppo turistico della nostra Regione”. Questo l’obiettivo della Calabria che si propone di offrire ai suoi visitatori “nuove opportunità di fruizione dei beni culturali”. Con un occhio attento alla dimensione economica che secondo Caligiuri “deve sottendere a quella politica”.
Fondamentale sarà il “recupero della memoria e dell’identità storica nell’ambito dei 150 anni dell’unità” per una valorizzazione delle tradizioni e delle prospettive future della Calabria.
Un settore dunque, quello turistico, che va ripensato ad ampio raggio, traendo linfa dalla molteplicità delle risorse che offre il territorio calabrese. “Non per nulla la Giunta Scopelliti ripropone entro il 2010 circa 150 milioni di euro che certamente confluiranno nello sviluppo del settore culturale e rappresenteranno un’occasione di crescita economica rilevante per tutta la regione.” Investimenti che andranno indirizzati secondo un’ottica che tende a premiare la qualità ed il merito.
“La prima esigenza che si pone in Calabria è quella di inserire i beni culturali e le manifestazioni in ottica regionale per creare una rete con la quale progettare nella scena culturale e turistica globale, mattendo a reddito e quindi sostenendo l’economia delle varie realtà. Per fare questo c’è bisogno di una regia regionale attenta che sottenga ad indirizzi i punti di eccellenza guardando alla qualità e promuovendola adeguatamente.”