VIBO: ESTORSIONI E USURA, COLPO AL CLAN BONAVITA, I NOMI DEGLI ARRESTATI

polizia5Estorsione ed usura. Con queste accuse gli uomini delle squadre mobili delle Questure di Catanzaro e ViboValentia hanno arrestato tre persone. Si tratta di Salvatore Bonavota, di 22 anni; Giulio Castagna di 43 e Gianfranco Russo di 36. Sarebbero responsabili di un espisodio di usura di cui era vittima un commerciante di Sant’Onofrio, piccolo centro del vibonese, costretto a corrispondere al gruppo interessi del 257% annui per un prestito iniziale di 2.800 euro. In pratica, l’uomo moveva corrispondere mensilmente dai 400 ai 500 euro agli emissari del gruppo a capo del quale sarebbe stato, nonostante la giovane eta’, Salvatore Bonavota, fratello di Pasquale e Domenico, attualmente detenuti, capi dell’omonimo clan mafioso operante nel vibonese. Dopo le operazioni “Uova del Drago” e “Replay”, che avevano decapitato la cosca, il giovane Bonavota avrebbe assunto le redini dell’organizzazione. L’operazione che lo ha portato in carcere con i suoi presunti complici e’ stata denominata “Sfrontati”. Il riferimento e’ alla tradizionale cerimonia religiosa della “Affruntata” che si svolge a Pasqua nel piccolo centro del vibonese, balzata agli onori delle cronache per le intimidazioni subite dal priore della confraternita che l’organizza e che sarebbero state messe in atto dalla ‘ndrangheta intenzionata ad accaparrarsi il diritto di portare a spalla le statue religiose durante la cerimonia, come segno d’autorita’. Continua a leggere

REGGIO: TRA GLI ARRESTATI ANCHE UN DIRETTORE SPORTIVO E UN ALLENATORE DI CALCIO

polizia5I commercianti e gli imprenditori soffocati dal racket delle estorsioni a ReggioCalabria tirano un sospiro di sollievo, dopo l’operazione della Squadra mobile che ha portato all’arresto di 33 presunti affiliati alle cosche di ‘ndrangheta che taglieggiano da sempre gli operatori economici della citta’. Un’operazione che, secondo la definizione di un investigatore, rappresenta una vera e propria ”bonifica del territorio” in una citta’ in cui anche le squadre di calcio minori sono sotto il controllo delle cosche. Tra gli arrestati, infatti, ci sono il direttore sportivo, Eugenio Borghetto, e l’allenatore, Natale Ianni’, della squadra di calcio della Valle Grecanica, che milita nella serie D Interregionale. Dei due, il personaggio piu’ in vista sotto l’aspetto criminale e’ Borghetto, indicato come uno dei capi all’omonima cosca. Gli arresti consentono di interrompere il circolo vizioso che ruota attorno alle estorsioni, che a Reggio Calabria hanno sempre rappresentato un ”costo aggiuntivo” accettato praticamente da tutti. Come se fossero un fatto normale, in una citta’ che ha sempre pagato un alto costo sociale per la presenza invasiva della criminalita’. Da oggi a Reggio, o almeno in alcuni quartieri della citta’, non e’ piu’ cosi’. Continua a leggere

REGGIO, ARRESTATI 32 AFFILIATI ALLA COSCA LIBRI: ECCO I NOMI

Di seguito l’elenco dei soggetti colpiti da ordinanza di custodia cautelare in carcere firmata dal Gip Andrea Esposito, nell’ambito dell’operazione odierna che comprende 34 ordinanze di custodia cautelare in carcere (due sono  irreperibili) condotta dalla Squadra  Mobile di Reggio Calabria , diretta da Renato Cortese: Continua a leggere

NDRANGHETA: CONCESSI I DOMICILIARI AL BOSS DI SAN LUCA PAOLO CODISPOTI

Sono stati concessi gli arresti domiciliari a Paolo Codispoti, cinquantacinquenne di San Luca, detenuto fino a ieri nel carcere di Rebibbia per associazione di stampo mafioso contestatagli al seguito dell’operazione “Ciaramella” eseguita dalla Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria a firma del pm Dott. Gratteri.
Il Codispoti, noto boss di San Luca, appartenente al clan Nirta-Scalzone della cittadina preaspromontana, venne arrestato nel 2005 con l’accusa di associazione mafiosa e promotore di un traffico di stupefacenti provenienti dal sudamerica mentre si trovava in regime di semilibertà, concessagli pochi mesi prima a seguito del residuo sconto di pena di una condanna a trent’anni di reclusione per associazione di stampo mafioso, sequestro di persona, porto d’armi, rapina, tentato omicidio, estorsione e altro contestatogli all’inizio degli anni ’80. L’operazione “Ciaramella” svelï¿œ, secondo le indagini della DDA di Reggio Calabria, che lo stesso Codispoti era il punto di riferimento cardine della ‘Ndrangheta su Roma, a dimostrazione di ciò emerse dalle indagini che la cosca Morabito di Africo (“Tiradrittu”, ndr) chiedeva appoggio allo stesso Codispoti per i propri affari nella capitale, una sorta di pass o “benedizione mafiosa” gestita secondo le ferree regole ndranghetistiche, dal Codispoti. Continua a leggere

REGGIO: A PELLARO LA PRIMA ASSEMBLEA CONTRO IL RACKET DI REGGIOLIBERAREGGIO

di Stefano Perri – Si è tenuta presso il Centro Civico di Pellaro la prima delle assemblee organizzate da ReggioLiberaReggio, il cartello di commercianti reggini che da pochi mesi è impegnato in città contro il racket delle estorsioni.
Pur segnalando la buona affluenza da parte di associazioni e cittadini pellaresi, a cominciare dall’associazione Luna Gialla che ha sostenuto l’organizzazione dell’assemblea, c’è da dire che all’appello non ha risposto nemmeno un commerciante della zona, nonostante l’iniziativa fosse stata annunciata nei giorni precedenti attraverso un volantinaggio porta a porta presso tutti gli esercizi commerciali. Non ci si aspettava di certo la fila all’ingresso, visto il tema molto delicato, ma il fatto che nemmeno uno tra i commercianti pellaresi abbia avuto anche solo la curiosità di venire a conoscenza di una possibile alternativa allo strapotere mafioso appare come un dato davvero preoccupante.
All’incontro, coordinato dal coraggioso portavoce di Libera Mimmo Nasone che ha spiegato lo spirito dell’iniziativa, ha preso parte anche Tiberio Bentivoglio, titolare della Sanitaria Sant’Elia di Condera (RC), che ha raccontato la sua esperienza di imprenditore vessato dal racket che ha deciso di ribellarsi al sistema della ‘ndrangheta. Presente, tra gli esponenti della Confesercenti e della Confartigianato, anche Attilio Funaro della Confcommercio reggina, che ci ha tenuto a segnalare la disponibilità da parte della sua associazione a supportare ed accompagnare nel difficile percorso di denuncia tutti i commercianti che decidono opporsi al sistema del pizzo anche in forma anonima.
L’assemblea di Pellaro rappresenta comunque solo la prima tappa di un percorso che ReggioLiberaReggio ha intenzione di intraprendere attraverso una serie di iniziative da organizzare nei prossimi mesi nei vari quartieri della città di Reggio. Prossimo appuntamento per i sostenitori dell’antiracket la cena di solidarietà che si terrà mercoledì 30 giugno presso il Ristorante L’Accademia di Lazzaro di proprietà di Filippo Cogliandro, altro imprenditore che ha già apertamente denunciato i tentativi di estorsione ai suoi danni.
L’associazione ReggioLiberaReggio, promossa e fondata da Libera (Associazioni, nomi e numeri contro le mafie) dopo un percorso di oltre 18 mesi di riflessioni ed incontri sul tema del racket, raccoglie oggi ben 61 realtà associative provenienti dalle più diverse esperienze aggregative. Sono già numerosi i commercianti che hanno deciso di rivolgersi all’Associazione, decidendo di schierarsi apertamente dalla parte della legalità. Di sicuro un’esperienza importante che può rappresentare un seme di speranza molto concreto e fattivo nella lotta contro la ‘ndrangheta in una realtà complicata e difficile come quella reggina.