REGGIO COME NAPOLI: LEONIA IN SCIOPERO E LA CITTA’ AFFONDA NELLA SPAZZATURA

spazza3

Foto di Stefano Perri, da http://www.strill.it – La situazione in città sta diventando insostenibile. Lo sciopero dei dipendenti della Leonia e della Multiservizi sta mettendo a dura prova l’intera rete urbana.
Il Comune è in ritardo di tre mensilità sul pagamento dei loro stipendi e i lavoratori ormai da qualche giorno hanno deciso di incrociare le braccia.
I cassonetti dell’immondizia sono ormai ricolmi, le vie cittadine invase dalla spazzatura, le strade sporche e malmesse necessiterebbero di un’accurata manutenzione. La città inizia ad affondare nella spazzatura. Una vergogna per Reggio e per i reggini.
spazza1
spazza5
spazza2
spazza4

PLATI’ (RC): ARRESTATO IL LATITANTE PASQUALE BARBARO

All’alba di oggi i Carabinieri del comando Provinciale a Platì in contrada palumbo loc. Serro Stinco hanno fatto irruzione all’interno di un’abitazione rurale dove hanno arrestato Pasquale Barbaro, pregiudicato 33enne, latitante per associazione per delinquere finalizzato al traffico di sostanze stupefacenti, ricercato dal 2009. Il latitante è stato catturato all’interno di un nascondiglio ricavato tra l’armadio e la parete in muratura della camera da letto; l’accesso al nascondiglio era costituito da un pannello in compensato movibile delle dimensioni di 1,80 x 1 metri, che veniva rimosso solo per gli spostamenti del boss. Al momento dell’arresto Barbaro non era armato e non ha opposto resistenza agli uomini dell’arma che l’hanno braccato prima di una possibile fuga. All’interno dell’abitazione erano presenti, al momento dell’irruzione, anche i piu’ stretti familiari del latitante. Barbaro era inserito nel contesto associativo riconducibile al capo società Saverio Trimboli, 36 anni di Platì, già arrestato il 13.02.2010. Nel corso della perquisizione domiciliare venivano rinvenuti e sequestrati un computer portatile ed apparati cellulari, binocoli e tute mimetiche utili al proseguimento delle investigazioni.

 

TRAGEDIA ELICOTTERO MESSINA: ALCUNE DOMANDE

https://i2.wp.com/www.meteoweb.it/images/elicottero3.jpg

di Stefano Perri – La tragedia dell’elicottero precipitato a Messina ha il sapore dell’assurdità. Quattro giovani vite spezzate, quattro famiglie straziate dal dolore, centinaia di amici e parenti che non dimenticheranno mai i visi dei quattro angeli che in quel maledetto giorno d’agosto hanno compiuto il loro ultimo volo. Ma è necessario all’indomani della tragedia porsi alcune domande. Cosa ci faceva li quell’elicottero quel giorno e perché era atterrato in quello slargo non adeguato all’operazione? Perché veniva utilizzato un elicottero abilitato solamente ai fini turistici, che non era cioè in possesso del Certificato di operatore aereo (Coa) che consente di svolgere attivita’ di volo di tipo commerciale di trasporto pubblico passeggeri? E’ stato lo stesso Ente Nazionale per l’Aviazione Civile a dichiarare che l’elicottero  “essendo gestito da un soggetto privato, non certificato né riconosciuto idoneo, può essere impiegato solo per attività di volo di tipo turistico che non prevedono il trasporto pubblico passeggeri”. Dunque perché quel giorno l’elicottero viaggiava con a bordo ben 3 passeggeri? Tra le ipotesi al vaglio della Procura di Barcellona Pozzo di Gotto c’è anche quella che una della cause della caduta del velivolo, che si era appena alzato in volo, è stato proprio l’eccessivo peso. E’ possibile che sia stata proprio la presenza dei 3 passeggeri “abusivi” e di altri materiali a seguito che ha determinato l’eccessivo fatale peso, trasformando cosi un viaggio breve e tranquillo verso le isole Eolie in un inferno di fuoco e lamiere accartocciate?
Ci sarebbero altre decine di domande da porsi sulla vicenda. E non è sicuramente un peccato di cinismo. Probabilmente è passato ancora troppo poco tempo dall’incidente per dare risposta certa alle domande poste. Probabilmente questo è ancora il tempo del dolore, probabilmente sarà l’inchiesta della Procura a fare luce definitiva sulla vicenda. Ciò che è importante è capire l’importanza del rispetto delle regole di sicurezza soprattutto in una situazione cosi delicata come quella del volo.
L’elicottero pilotato dal compianto Domenico Messina veniva utilizzato già da diverso tempo per il trasferimento di passeggeri da Gambarie, ridente cittadina turistica del massiccio dell’Aspromonte, alle Isole Eolie e a Taormina. Ultimamente il servizio veniva promosso, anche sulla stampa e con apposite locandine, dall’amministrazione comunale di  Santo Stefano in Aspromonte, come è possibile leggere anche sulla locandina con tanto di prezzi del servizio pubblicata proprio sul sito del Comune. L’elicottero e il pilota si trovavano dunque pochi giorni prima della tragedia a Gambarie, effettuando voli verso le due località siciliane.  E a Gambarie si sarebbero dovuti trovare il giorno dopo, se non fosse avvenuto il disastro, visto che il servizio sarebbe dovuto continuare fino al 25 di agosto.
Come è possibile che un elicottero non abilitato al trasporto pubblico dei passeggeri possa venire utilizzato per questo genere di attività? Come è possibile che lo stesso elicottero sia stato più volte visto atterrare in luoghi assolutamente non abilitati come punti di atterraggio/decollo sempre nei dintorni di Gambarie? E’ possibile chiedere ad un lavoratore onesto (come era Domenico) di rischiare cosi tanto per incrementare gli introiti della azienda di cui è dipendente? E come è possibile che addirittura si giunga a chiedere al povero Domenico Messina di atterrare su un palco in piazza, è accaduto ad esempio giovedi 5 agosto 2010 durante l’inaugurazione del servizio, nel bel mezzo di una manifestazione estiva a pochissimi metri da una folla turisti spettatori?  Non si tratta forse di un’operazione un tantino pericolosa? Forse tanto pericolosa quanto quella che in quella maledetta mattina di agosto Domenico ha dovuto compiere tentando di decollare nello spiazzo antistante il capannone della società “Nuova Cometra”. Agli inquirenti o ai posteri le ardue, amare, sentenze…

Intanto osserviamo insieme questa foto dell’elicottero di Domenico.. e riflettiamo…

INCIDENTE ELICOTTERO MESSINA: VITTIME RICONOSCIUTE SOLO GRAZIE ALLE ARCATE DENTARIE

https://i2.wp.com/www.meteoweb.it/images/elicottero.jpgHa dovuto far ricorso a un’impronta delle arcate dentarie il medico legale Francesca Trio per il riconoscimento ufficiale dei resti carbonizzati delle quattro vittime dell’incidente dell’elicottero precipitato ieri mattina nella zona industriale di Giammoro, a una trentina di chilometri da Messina. I corpi sono stati resi completamnte irriconoscibili dal fuoco e nemmeno i familiari, presenti all’obitorio del Policlinico per le autopsie questa mattina, hanno potuto identificare i loro cari. Anche il sostituto procuratore di Barcellona Pozzo di Gotto, Michele Martorelli, titolare dell’inchiesta, dopo un nuovo sopralluogo sul luogo della sciagura, e’ giunto al Policlinico per seguire l’esame autoptico delle quattro vittime.

INCIDENTE ELICOTTERO MESSINA: LA CAUSA L’ECCESSIVO PESO

https://i2.wp.com/www.meteoweb.it/images/elicottero3.jpgPotrebbe essere stato il peso eccessivo a bordo dell’elicottero a fare precipitare ieri mattina il ‘Robinson’ nel Messinese, un incidente costato la vita a 4 persone. E’ questa una delle ipotesi al vaglio della Procura di Barcellona Pozzo di Gotto (Messina) che coordina l’inchiesta sul disastro di ieri mattina. Con ogni probabilita’, ma al momento non ci sono certezze, l’elicottero e’ precipitato, dopo avere urtato il capannone, a causa del peso ritenuto eccessivo sia dei passeggeri che delle attrezzature che servivano per sistemare un guasto ad una nave ormeggiata a Salina, alle Eolie. Questa mattina, il pm Michele Martorelli ha effettuato un sopralluogo con il consulente nominato, un esperto, insieme ai vigili del fuoco. La carcassa dell’elicottero e’ gia’ stata rimossa. I resti dell’elicottero sono stati posti sotto sequestro e sistemati in un hangar in attesa di ulteriori ispezioni. Intanto si presenta difficoltoso l’esame autoptico sui resti dei 4 cadaveri. Il fuoco li ha ridotti quasi in cenere. Il medico legale Francesca Trio si e’ servita delle radiografie delle arcate dentarie per individuare le 4 vittime.

ELICOTTERO PRECIPITATO A MESSINA: IL VIDEO E LE IMMAGINI DELLA TRAGEDIA

Continua a leggere

L’ELICOTTERO PRECIPITATO A MESSINA ERA ABILITATO SOLO PER VOLI TURISTICI

https://i0.wp.com/www.meteoweb.it/images/elicottero1.jpgL’elicottero precipitato in Sicilia in fase di decollo non era in possesso del Certificato di operatore aereo (Coa) che consente di svolgere attivita’ di volo di tipo commerciale di trasporto pubblico passeggeri. E’ quanto precisa l’Ente nazionale per l’aviazione civile (Enac) che in una nota sottolineando che l’elicottero poteva essere impiegato solo per attivita’ di volo di tipo turistico, senza il trasporto pubblico di passeggeri.

Come risulta dal certificato di immatricolazione, afferma l’Enac, ”l’elicottero I-KOST e’ di proprieta’ della societa’ ‘Intesa Leasing Spa’ di Milano ed e’ in esercenza alla societa’ ‘Rent & Fly Srl’ di Bari” e ha un ”Certificato di navigabilita’ numero 15529/A rilasciato dalla direzione operazioni Roma dell’Enac il 12 giugno 2006”. Certificato poi rinnovato il 24 giugno di quest’anno. Secondo l’Enac la Rent & Fly pero’ ”non e’ in possesso del Certificato di Operatore Aereo (Coa), l’autorizzazione rilasciata dall’Enac che autorizza il possessore, ai sensi del Regolamento CE 1008/2008, dopo conseguimento di licenza, a svolgere attivita’ di volo di tipo commerciale di trasporto pubblico passeggeri”. E non avendo il Coa, la Rent & Fly ”per le attivita’ svolte, non rientra tra le societa’ certificate e controllate dall’Enac”. In sostanza, dice l’Enac, l’elicottero precipitato, ”essendo gestito da un soggetto privato, non certificato ne’ riconosciuto idoneo, puo’ essere impiegato solo per attivita’ di volo di tipo turistico che non prevedono il trasporto pubblico passeggeri” Al momento pero’, precisa l’Ente, ”ancora non e’ accertato il genere di volo, turistico o meno, che l’elicottero stava effettuando questa mattina”. In ogni caso, conclude l’Enac, l’invito ai cittadini che vogliono effettuare voli a noleggio – soprattutto d’estate quando l’offerta aumenta – e’ di ”controllare preventivamente se tali voli vengono operati da societa’ certificate dall’Ente ed in regola con le licenze”. Proprio per questo sul sito dell’Enac (www.enac.gov.it, sezione Regolazione Economica, Trasporto Aereo, Licenze di Esercizio, Licenza di Trasporto Aereo) e’ pubblicato l’elenco aggiornato al 2 agosto di tutte le societa’ certificate titolari di licenza di trasporto aereo e che utilizzano sia elicotteri che aeromobili”.

MISTERBIANCO (CT): ANCORA NESSUNA TRACCIA DI JESSICA E MIRIAM

 Ancora nessuna traccia di Jessica Emiliano e Miriam Amirante, le due ragazze catanesi scomparse lunedì scorso nei pressi di Misterbianco, in provincia di Catania. E un appello, accorato, partito da un gruppo Facebook chiamato “Ragazze scomparse” è giunto alla redazione di Tgcom per far sì che quante più persone possibile possano aiutare i parenti a ritrovarle. Jessica e Miriam, quindici e diciassette anni, lunedì scorso erano uscite per andare alla festa del patrono di Misterbianco, Sant’Antonio Abate. Hanno fatto un’ultima chiamata ai genitori, intorno alle 21.45, per riferire che sarebbero rimaste fuori ancora un po’ a godersi la festa. Poi il silenzio.Ormai è una settimana che si è persa ogni traccia delle due giovani. Le tv locali hanno già fatto passare in video gli appelli dei genitori delle due giovani, tra cui quello disperato della mamma di Jessica. E su Facebook cresce il numero dei membri iscritti al gruppo, ormai giunti a quota 7600, che tentano di ricostruire i movimenti delle due ragazze. Confessioni, ricordi, ipotesi, che ancora non giungono a una conclusione univoca sulla sparizione. Accanto alle supposizioni sul motivo della scomparsa, anche i carabinieri riferiscono qualcosa: potrebbe trattarsi di fuga volontaria. Lo si evince dalle tantissime segnalazioni arrivate sul possibile avvistamento delle due ragazze nella provincia di Catania. Ma il vero motivo resta ancora un mistero e i genitori aspettano con ansia che le due ragazze chiamino per avvisare che stanno bene e che arriveranno a casa presto.

 

OPERAZIONE “PETTIROSSO”: TUTTI I NOMI E LE FOTO DEGLI ARRESTATI

di Stefano Perri – Ecco i volti ed i nomi degli arrestati nell’ambito dell’inchiesta Pettirosso. Gli affiliati alla cosca Bellocco di Rosarno sono indagati per associazione mafiosa, favoreggiamento personale, porto e detenzione illegale d’arma da fuoco. Le indagini hanno ricostruito il circuito criminale che aveva favorito per anni la latitanza di Gregorio e Giuseppe Bellocco, esponenti di vertice dell’omonima cosca rosarnese, inseriti tra i 30 ricercati più pericolosi e catturati dal Ros nel 2005 e nel 2007.

TUTTI I NOMI E LE FOTOGRAFIE DEGLI ARRESTATI