REGGIO: NASCE LA BOTTEGA DELLA LEGALITA’ DI LIBERA

liberaconsiglio1di Stefano Perri (per http://www.strill.it) – “Camminando s’apre cammino”. Questo lo slogan dell’iniziativa organizzata da Libera per la firma dell’accordo con la Presidenza del Consiglio Regionale per l’istituzione della Bottega della Legalità e la consegna di nuovi loghi del progetto ReggioLiberaReggio.

Un pomeriggio all’insegna dell’antindrangheta nella sala “Nicola Calipari” di Palazzo Campanella dove a confrontarsi sono i cittadini e gli iscritti all’Associazione Libera con le massime istituzioni regionali nell’ambito della legalità. Presenti le maggiori autorità cittadine, rappresentanti delle forze dell’ordine e della magistratura, il Procuratore di Palmi Giuseppe Creazzo, il Procuratore Generale Salvatore Di Landro e il Sindaco di ReggioDemi Arena. Assieme ai tantissimi cittadini ed associazioni presenti anche una serie di imprenditori che hanno aderito al progetto di ReggioLiberaReggio. Tra di loro anche Tiberio Bentivoglio, titolare della Sanitaria Sant’Elia oggetto in passato di una serie orribile di attentati e gravissimi episodi intimidatori. Ad alternarsi sul palco gli interventi dei rappresentanti di Libera, il coordinatore reggino Mimmo Nasone e Don Marcello Cozzi dell’Ufficio nazionale, Claudio La Camera del Museo della ndrangheta e poi le Istituzioni regionali rappresentate dal Presidente della Commissione Antimafia Salvatore Magarò e dal Presidente del Consiglio Francesco Talarico. Continua a leggere

PIGNATONE: “LA CALABRIA PAGA L’ISOLAMENTO, MA TRE NUOVI PENTITI SONO UN SEGNALE IMPORTANTE”

pignatonedi Grazia Candido – “In Calabria le vie d’informazione sono difficili, disastrate. Qui si vive in un cono d’ombra informativo”. E’ il procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Calabria Giuseppe Pignatone a parlare della Calabria a tutto tondo, del male che soffoca da anni una comunità, la ‘ndrangheta, ma anche dei tanti uomini onesti che, quotidianamente si impegnano ad estirpare con tutte le loro forze questo terribile “cancro”. Ospite su Raitre, alla puntata di “Che tempo che fa”, talk-show di Fabio Fazio, il procuratore si sofferma sull’ “isolamento” in cui vive una delle Regioni del Mezzogiorno. “Io arrivo da Palermo che non soffre questo problema, è una città sempre sotto i riflettori mentre la Calabria soffre di un isolamento che è simboleggiato dalla mitica autostrada Sa-Rc rimasta incompleta da anni – afferma Pignatone – Dalla Calabria non si riesce a far uscire una notizia almeno che non riguardi fatti clamorosi o di malasanità. Invece, è urgente far sapere fuori che mentre la Calabria è isolata, la ‘ndrangheta è dappertutto e accresce il suo impero economico che trova nella provincia di Reggio Calabria la sua capitale”. Continua a leggere

REGGIO RISPONDE ALLA NDRANGHETA. IN CENTINAIA ALLA FIACCOLATA DI SOLIDARIETA’ PER IL PROCURATORE PIGNATONE

di Stefano Perri – “Colpo su colpo”. Reggio risponde al vile atto intimidatorio di stanotte nei confronti del Procuratore Pignatone con una fiaccolata sul Corso Garibaldi organizzata dal movimento  ReggioNonTace.

Sono in centinaia alla partenza da Piazza De Nava ad intonare un unico semplice e chiarissimo slogan: Pignatone solidarietà. Un corteo nutrito e composto, assolutamente variopinto, che ha illuminato con le fiaccole della speranza la strada principale di Reggio. “Pignatone non sei solo” questo il messaggio che i manifestanti hanno voluto lanciare nei confronti del Procuratore capo. Cosi distanti dai proclami lanciati dai salotti buoni della politica, qui in strada ci sono i ragazzi di ReggioNonTace, la società civile di Reggio, giovani e meno giovani, convinti davvero di volersi stringere in abbraccio ideale intorno a Pignatone e agli altri magistrati reggini.

“Basta isolamento, basta indifferenza” urlano i ragazzi sul corso. La solidarietà dunque non solo proclamata ma praticata attraverso la militanza antindrangheta che si esprime nelle facce piene di vita e di speranza che animano il corteo. Alla sua testa, come al solito, il battagliero Padre Giovanni Ladiana, vero e proprio ispiratore della rinascita del movimento antindrangheta a Reggio Calabria. Pochi commenti, poche parole, messaggi brevi, concisi. No alla paura, no all’apatia. La società civile rifiuta il silenzio, rifiuta il torpore di una città che per troppo tempo è rimasta alla finestra a guardare i potenti che decidevano del suo futuro.

I numeri della fiaccolata non sono certo un trionfo, ma è un dato assolutamente confortante sapere che, dietro quegli striscioni e quelle fiaccole fieramente accese di speranza, c’erano tante teste pensanti e consapevoli, pronte a combattere per il cambiamento.
All’interno del corteo anche i ragazzi di Free Lance Magazine. A fianco a loro anche pezzi del mondo politico. Presenti Italia dei Valori con Talarico, Giordano, De Masi e D’Agostino e la Federazione della Sinistra con Infantino e Minniti, insieme a diversi rappresentanti del mondo associativo e sindacale reggino.
“Questa non dev’essere un’iniziativa estemporanea” ha urlato Giovanni Ladiana nell’assemblea improvvisata a Piazza Duomo al termine del corteo. L’appuntamento è fissato per il 3 novembre, presso la sala Green del Consiglio Regionale, per un forum che inizi a lanciare dei messaggi in positivo. “Abbiamo sempre ribadito il nostro no alla ndrangheta – ha concluso Ladiana – adesso è arrivato il momento di costruire un’alternativa. Costruiremo le nostre proposte attraverso la discussione”.

‘NDRANGHETA: L’OPERAZIONE “META” FOTOGRAFA I NUOVI ASSETTI DELLE COSCHE REGGINE

di Stefano Perri e Peppe Caridi – “Meta”. Questo il nome assegnato all’inchiesta che secondo il Procuratore della Repubblica Francesco Pignatone ha raggiunto l’obiettivo di scattare finalmente una fotografia assolutamente nitida della situazione generale delle cosche nella città di Reggio Calabria.
42 sono le ordinanze di custodia cautelare eseguite ad opera del Ros dei Carabinieri, guidato dal Generale Giampaolo Ganzer, e del Comando Provinciale di Reggio Calabria. L’inchiesta, che si è dispiegata in quattro regioni italiane, Calabria, Lombardia, Friuli Venezia Giulia ed Emilia Romagna, ha colpito pesantemente alcune tra le più importanti cosche di Reggio, riunite da una sorta di cartello per la gestione degli affari e degli interessi comuni. I reati contestati alle persone coinvolte nell’operazione,  sono quelli di associazione mafiosa, estorsioni, turbata libertà degli incanti ed altri reati.  Al filone centrale dell’inchiesta si affiancano una serie di rivoli che conducono a vari paesi della provincia. Uno di essi riguarda il voto delle ultime elezioni comunali a San Procopio, per le quali il condizionamento da parte della cosca Alvaro aveva determinato la scelta scientifica dei componenti sia della maggioranza che dell’opposizione. Non si riscontrano, secondo il Procuratore Pignatone, almeno nell’ambito di questa inchiesta, collegamenti con settori della politica ed interessamento al sistema degli appalti pubblici. Nelle mire della Procura sono finiti anche 30 imprenditori reggini che costituivano la cosiddetta zona grigia e avevano il compito di sostenere economicamente l’organizzazione mafiosa. Arrestato anche il sedicente avvocato Vitaliano Grillo Brancati e altri professionisti che si occupavano della partecipazione alle aste immobiliari.
L’ordinanza ha disposto il sequestro beni mobili e immobili per un valore complessivo di 100 milioni di euro. Tra queste ben 18 imprese attive nei settori dell’edilizia e della ristorazione, stabilimenti balneari tra cui anche il famoso lido cittadino Calajunco che doveva essere inaugurato a giorni, 22 appartamenti, 12 unità immobiliari  a uso commerciale, nonché 26 autovetture di lusso e 6 motocicli. Sequestrata anche la casa di cura Villa Speranza, di proprietà della cosca Alvaro, oltre ad un cospicuo arsenale di armi da fuoco e 79 mila euro in contanti.
Il dato che emerge dall’inchiesta sottolinea dunque un’assoluta eterogeneità delle attività di riciclaggio, gestita da un cartello pacificamente unitario tra cosche che in passato si sono sanguinosamente scontrate e che oggi sembrano aver trovato un accordo complessivo di spartizione e di comunanza negli obiettivi. In particolare l’inchiesta fotografa la collaborazione criminale tra i Condello, i De Stefano-Libri, i Tegano, gli Imerti, con la novità degli Alvaro usciti da Sinopoli e giunti nella città di Reggio.
Significative a proposito le parole del Procuratore capo di Reggio Calabria Giuseppe Pignatone che ha posto l’accento sulla cosiddetta zona grigia: “Dopo la seconda guerra di mafia che fino al 91 aveva fatto centinai di morti a Reggio non avevamo più consapevolezza degli equilibri delle cosche, con questa operazione siamo riusciti a stabilire i nuovi assetti ed a scoprire delle alleanze che erano saltate durante la guerra di mafia”.
Di grande rilevanza la presenza del Procuratore Nazionale Antimafia Piero Grasso che ha sottolineato il lavoro di grande sinergia portato avanti da tutte le articolazioni del corpo dei carabinieri con la collaborazione preziosa della magistratura. “La mia presenza di oggi a Reggio Calabria” – ha detto il procuratore Grasso – “è per dare rilevanza alla chiarezza che si ricostruisce con il quadro offerto dall’operazione Meta. Quello che in passato ha determinato gli scontri tra le cosche, oggi avviene nella piena concordia per il perseguimento degli obiettivi e degli interessi comuni, secondo la strategia della sommersione e della facilitazione. L’accordo tra le cosche del reggino va visto come un sistema a cerchi concentrici con un nucleo centrale di affiliati organici e tutta una serie di corollari che aiutano il mantenimento del sistema attraverso il sostegno economico e le attività imprenditoriali. C’è bisogno dunque di un attacco complessivo al sistema della ndrangheta, che non si soffermi al cuore dell’organizzazione, ma che sappia raggiungere la rete dei fiancheggiatori che offrono alle cosche il sostegno economico”.