VENGONO DALLA RUSSIA LE GAMBE PIU’ LUNGHE DEL MONDO

All’inizio del decennio, il record delle gambe più lunghe apparteneva alla supermodella tedesca Nadja Auerman, con 1,14 m, ma chiaramente esistevano molte ragazze “in gamba” anche fuori dal mondo della moda. Lisa Hall di Maldon, Essex, UK, si fece avanti nel gennaio 2001 con il suo 1,24 m di gambe, insufficienti però a battere la connazionale Sam Stacey of Stainforth, Doncaster, UK. Le sue gambe di 126,36 cm appaiono nell’edizione del 2002 di Guinness World Records. La primatista attuale, Svetlana Pankratova, si fece notare solo nel 2003.. Le gambe affusolate di Svetlana, di origine russa, hanno fatto segnare la misura di 132 cm a Torremolinos, Spagna, dove ora vive, l’8 luglio 2003. Agente immobiliare a Marbella, Spagna, da quando è primatista mondiale Svetlana è diventata sempre più conosciuta e nel 2009 ha compiuto un tour internazionale, mostrando le sue lunghissime gambe a giornalisti di tutto il mondo. Il suo dono eccezionale ha anche qualche inconveniente: capi d’abbigliamento su misura, porte troppo basse, spazio insufficiente in auto e in aereo. Ma è un piccolo prezzo da pagare per un record di tale levatura.

TOKIO: HA 26 ANNI IL CANE PIU’ ANZIANO DEL MONDO

Con 25 anni e 9 mesi alle spalle, l’equivalente di oltre 125 primavere per un essere umano, e’ il giapponese Pusuke il cane in vita piu’ vecchio al mondo, il cui record di longevita’ e’ stato formalmente riconosciuto dal Guinness dei Primati. Pusuke, allevato da una casalinga di 41 anni residente nella prefettura di Ibaraki, un centinaio di chilometri a nord-est di Tokyo, e’ nato nel marzo del 1985 dall’incrocio tra un cane della razza giapponese Shiba e un altro esemplare meticcio. Secondo quanto riporta oggi la stampa nipponica, il record di longevita’ era stato sottoposto al Guinness lo scorso luglio, e il riconoscimento e’ giunto lunedi’ mediante una comunicazione ufficiale dall’organizzazione con base a Londra. Il primato precedente, stando al sito web del Guinness, era detenuto dal cane italiano Piccolo, classe 1987, di Farra d’Alpago in provincia di Belluno.
Piccolo, le cui condizioni di salute si erano rapidamente aggravate, e’ sepolto nel terreno del giardino dell’abitazione dove ha sempre vissuto. ”Credo che sara’ felice – ha detto il proprietario, Matteo Mognol, al ‘Gazzettino’ – di vedere davanti a se’ il luogo dove ha vissuto cosi’ a lungo. Era diventato un’istituzione: tutti lo conoscevano qui a Farra”. Secondo Mognol, forse ad accelerare la sua morte ”ha influito il gran freddo dei giorni scorsi”.