REGGIO, ARCHITETTURA: INTERCETTAZIONI RIVELANO INFILTRAZIONI DELLE COSCHE DI SAN LUCA

carabinieri27giuLe conoscenze di Antonio Pelle all’interno dell’universita’ sono palesemente confidenziali in diverse intercettazioni captate dai carabinieri del Ros. Oltre che con il responsabile della segreteria Roberto Catalano e con Francesco Iaria, il giovane intrattiene conversazioni con toni piuttosto amichevoli e di confidenza, oppure in altri casi si parla di regalie lasciate ai docenti, in particolare con Giuseppe Fera (docente di ”Laboratorio di Progettazione Urbanistica”) e il suo collaboratore Francesco Morabito, Maurizio Paolo Spano’ (dottore agronomo e forestale che gravita all’interno della Facolta’ di Architettura di Reggio Calabria), Deborah Pennestri’ (docente a contratto), Martino Milardi (ricercatore). Inoltre Antonio Pelle ha raccomandato una studentessa con Fera ed e’ intervenuto in favore dei cugini Francesco (Ciccio) e Antonietta per i test di ammissione nel settembre 2009. In questa vicenda avrebbero avuto un ruolo fondamentale Serena Di Guida, Antonio Fondacaro e Francesco Mazzacuva. In un’intercettazione Fondacaro avverte Antonio Pelle ”Vedi che ti sto mandando le domande solo x ciccio e antonietta sono 15”. Inoltre tra questi personaggi sono intercorsi numerosi sms durante le prove, in cui Pelle chiedeva notizie su come stessero rispondendo i cugini ricevendo puntualmente lo stato della situazione.

 

NDRANGHETA, PIGNATONE: “DIAMO LA CACCIA AL PUPARO”

pignatonegiuseppe”Non sappiamo chi e’ il puparo”, chi muove le fila della strategia eversiva in Calabria, ”e non sappiamo neppure cosa vuole. Su chi piazza le bombe alla Procura generale e sotto casa del procuratore generale Di Landro, su chi minaccia i magistrati, sta indagando la procura di Catanzaro, e spero in risultati concreti in tempi ravvicinati”. Lo dice in un’intervista alla Stampa il procuratore di Reggio Calabria, Giuseppe Pignatone. ”A Reggio – prosegue – c’e’ una situazione estremamente preoccupante, con il succedersi di attentati e di minacce” e tuttavia ”mai come in questo momento si fa sentire l’offensiva dello Stato. I successi sono stati numerosi. Tra aprile e luglio, in provincia di Reggio sono stati eseguiti 300 arresti; con operazioni congiunte con Milano l’organizzazione e’ stata colpita ai vertici, la sua struttura e’ stata individuata”. ”Il nodo che dobbiamo sciogliere e’ questo – aggiunge -: chi, negli apparati, passava informazioni a Zumbo con l’incarico di riferirle ai mafiosi, senza chiedere apparentemente nulla in cambio? Quello che dobbiamo chiarire e’ chi c’e’ dietro questo progetto criminale”. ”Credo che oggi la ‘ndrangheta si trovi di fronte a un bivio – dice -: deve decidere se e come modificare la sua organizzazione, il suo livello di struttura interna”.

REGGIO: ANCORA INTIMIDAZIONI PER IL PROCURATORE DI LANDRO

dilandrositin2di Stefano Perri – Continua a Reggio Calabria l’escalation di minacce ed intimidazioni. Sale la tensione in una città dove si respira un’aria sempre più calda. A cadere nel mirino delle cosche reggine, ancora una volta, il procuratore generale Salvatore Di Landro. ”Sappiamo che Di Landro e’ qui. Siamo pronti a colpirlo”: e’ questo il contenuto di due telefonate fatte ieri sera ai carabinieri e alla polizia di Reggio Calabria, in cui si faceva riferimento alla presenza in ospedale, per una visita a un parente che aveva avuto un incidente, del procuratore generale Salvatore Di Landro. Le telefonate hanno fatto scattare l’allarme, con l’attivazione del sistema di sicurezza e l’allontanamento immediato del magistrato dall’ospedale, accompagnato dalla sua scorta. Sull’episodio hanno avviato indagini i carabinieri.

GRATTERI: FATTURATO ‘NDRANGHETA PARI AL 3% DEL PIL ITALIANO, INTERCETTAZIONI MEZZO PIU’ EFFICACE PER COMBATTERLA

”Il fatturato annuo della ‘ndrangheta e’ di 44 miliardi di euro, pari al 3% del prodotto interno lordo italiano. Gran parte del denaro originato dai traffici della ‘ndrangheta va al Nord Italia e all’estero”. Lo ha detto Nicola Gratteri, procuratore aggiunto a Reggio Calabria, presentando a Capalbio (Grosseto) il suo libro ‘La Malapianta’. Lo rende noto un comunicato di ‘Capalbio Libri’. Gratteri, aggiunge la nota, ha parlato anche di intercettazioni, definendole ”il modo piu’ efficace ed economico per fare luce e indagare. Per avere lo stesso risultato – ha spiegato – devo fare un pedinamento con spostamenti, macchine, pernottamenti. Se anche ci fossero i mezzi e gli uomini non converrebbe economicamente”. ”I dati relativi alle intercettazioni vanno letti con criterio – ha aggiunto – L’aumento delle intercettazioni degli ultimi anni e’ un fattore sintomatico: per ogni persona per cui si valuta la necessita’ di intercettazione, dobbiamo prendere in considerazione almeno cinque diversi numeri telefonici”.

REGGIO: IN PIAZZA CONTRO IL BAVAGLIO

di Stefano Perri – Si è tenuto il 9 luglio, in contemporanea con lo sciopero nazionale promosso dalla Federazione Nazionale della Stampa Italiana, il sit-in di protesta contro la famigerata legge bavaglio organizzato dai ragazzi del blog Free Lance Magazine. Un’iniziativa che nasce e si sviluppa sul web, prima con un appello lanciato dal blog che raccoglie da subito una cinquantina di adesioni, poi rimbalzando da un sito all’altro, attraverso i social network ed i forum, poi di nuovo sulle colonne di Free Lance Megazine, col risultato finale di portare in piazza a Reggio Calabria, di fronte alla Prefettura un cospicuo numero di cittadini che hanno deciso di opporsi al giro di vite sulle intercettazioni voluto dal Governo Berlusconi.

“Riteniamo fondamentale – dichiarano i giovani di Free Lance – reagire ad un disegno di legge che, se convertito, negherà ai giornalisti il dovere di informare, ai cittadini il diritto di essere informati e alla magistratura e alle forze dell’ordine la possibilità di utilizzare importanti strumenti d’indagine essenziali per lo svolgimento del loro lavoro”:

Determinazione, rabbia e tanta consapevolezza per un pomeriggio fatto di slogan e discorsi. Libertà, la parola d’ordine. Libertà di indagare  sui fatti per i magistrati e di raccontarli per i giornalisti. All’iniziativa, animata dalla presenza di tanti giovani e studenti, si sono visti rappresentanti del mondo politico (Rifondazione Comunista, Comunisti Italiani, Italia dei Valori e il candidato a Sindaco Massimo Canale), sindacale (Cgil e Cisl) e dell’associazionismo (Centro Sociale Cartella, Legambiente, Combattivamente e ReggioNonTace). In piazza anche la poliedrica giornalista scrittrice reggina di nascita Adele Cambria che non si è sottratta dall’intervenire di fronte ai tanti giovani manifestanti.

“E’ una legge in giusta – ha detto a Strill.it Giulia Polito di Free Lance Megazine – perché limita la libertà di espressione, il diritto dei cittadini ad essere informati, il dovere dei giornalisti ad informare, oltre ad ostacolare il lavoro della magistratura e delle forze dell’ordine. In una regione difficile come la Calabria il disegno di legge risulta ancora più deleterio”.

“Si tratta di un disegno di legge finalizzato ad imbavagliare i giornalisti! – gridano i ragazzi in piazza dal megafono – Si tenta di ostacolare la lotta alla criminalità, salvaguardando solo interessi particolari. Invitiamo tutti ancora una volta alla disobbedienza civile, a manifestare con responsabilità e consapevolezza”.

LEGGI L’ARTICOLO SU STRILL.IT —> http://www.strill.it/index.php?option=com_content&view=article&id=73144:reggio-in-piazza-contro-la-legge-bavaglio&catid=40:reggio&Itemid=86

REGGIONONTACE SCRIVE AI PARLAMENTARI DEL SUD CONTRO LA LEGGE SULLE INTERCETTAZIONI

di Stefano Perri – E’ la legge sulle intercettazioni al centro del documento inviato dal movimento “Reggionontace” a tutti i parlamentari eletti nelle regioni meridionali con l’obiettivo di rendere la giusta dimensione ad un provvedimento che al sud potrebbe essere, come il movimento stesso indica, “una questione di vita o di morte”.
Un appello che, ci tengono a specificare, non deve assumere nessuna colorazione ideologica o di partito, in quanto rivolto a tutti i deputati e i senatori eletti nelle circoscrizioni meridionali.
Ecco il testo integrale del documento:
• PREMESSA
Se per altri o altrove l’opposizione alla legge sulle intercettazioni può essere tacciata di mero idealismo (e per alcuni può essere solo una questione ideologica, smentita poi da comportamenti illiberali o contigui), per noi meridionali è una questione di vita e di morte: non solo fisica – nel sud infatti favorirebbe e nasconderebbe omicidi, rapine, prepotenze –, ma anche economica, di dignità, di futuro. E dunque, di negazione della speranza, quella vera, che non si fonda su aspettative di miracoli, ma quella di chi cerca di costruire spazi reali di riscatto e di responsabilità.
• DESTINATARI e SENSO di questo appello:
– ci rivolgiamo principalmente a tutti quei meridionali che non hanno più intenzione di piangersi addosso e hanno veramente a cuore il futuro di tutti scegliendo, perciò, d’uscire da silenzi e deleghe. Proprio per questo, non intendiamo sottoscrivere quest’appello in quanto appartenenti a un partito o a uno schieramento, né perché ne facciamo una bandiera ideologica. Non v’è chi non possa vedere che in entrambi gli schieramenti ci sono persone che lottano veramente contro le mafie e le ingiustizie, e persone colluse, quando non complici e favoreggiatrici;
– proponiamo dunque, soprattutto ai meridionali, di firmare questo appello che rivolgiamo a tutti i parlamentari (deputati e senatori) che sono stati eletti nelle regioni del sud, per invitarli a rifiutare d’approvare la legge sulle intercettazioni. Riteniamo che maggiore sarà il numero delle sottoscrizioni, tanto più saranno costretti a riflettere seriamente, prima di approvare una simile legge.
• Questi i MOTIVI per cui chiediamo che non venga approvata quella legge:
– abbiamo ascoltato il parere dei nostri magistrati reggini, circa la legge sulle intercettazioni che il parlamento sta discutendo e ci fidiamo di loro quando ci dicono che, soprattutto in questo momento in cui la ‘ndrangheta sta intensificando la sua attività criminale (anche per i successi della magistratura e delle forze dell’ordine), e per questo si preparano tempi ancora più drammatici, la legge sulle intercettazioni sarebbe un grande favore alla criminalità organizzata;
– non è verosimile che si plauda a magistrati e poliziotti che fanno seriamente il loro lavoro di contrasto alle mafie, tanto da riuscire a ottenere risultati che stanno sotto gli occhi di tutti, e poi non si dia loro ascolto quando – dati alla mano – dimostrano che quella legge finirebbe per vanificare il loro lavoro.
– proprio sulla base delle loro parole, allora, invitiamo tutti i parlamentari eletti nel sud dell’Italia a riflettere sulle loro scelte, ricordando loro che, qualora l’approvassero, ciò renderebbe ancora più incerta la nostra vita e indebolirebbe il nostro impegno a liberarci dall’oppressione della sfiducia.
• Riteniamo necessario che tutti personalmente rispondiate a quest’appello entro il 10 luglio. Noi, da parte nostra, c’impegniamo a rendere pubbliche le vostre risposte o il vostro eventuale silenzio.
E’ possibile firmare la petizione on line al seguente link:
http://firmiamo.it/appello-ai-parlamentari-del-sud
LEGGI L’ARTICOLO IN PRIMO PIANO SU STRILL.IT — > http://www.strill.it/index.php?option=com_content&task=view&id=72714&Itemid=119

REGGIO: L’ANTIRACKET DI LIBERA FA TAPPA A LAZZARO

di Stefano Perri – Mercoledì 30 giugno alle 20.30, presso i locali del ristorante “L’Accademia” di Lazzaro, “ReggioLiberaReggio” terrà un’assemblea pubblica per presentare il resoconto delle attività fin qui svolte e per consegnare il logo di RLR a quindici nuove associazioni, imprese e commercianti che hanno detto “no” al pizzo, decidendo di aderire alla nostra campagna anti-racket, sommandosi cosi alle quattro aziende già presenti.
ReggioLiberaReggio è una rete formata attualmente da ben 61 associazioni impegnate nella lotta al racket. L’organizzazione, durante la sua prima assemblea presieduta da Libera, ha deciso di formare tre diversi gruppi di lavoro. Il primo dedicato al consumo responsabile con l’obiettivo di ampliare la rete di cittadini, attualmente più di 600, che decidono di prediligere nei propri acquisti le attività economiche che si schierano dalla parte della legalità. Il prossimo appuntamento sarà il 3 luglio, sul Corso Garibaldi, all’apertura della stagione dei saldi, con la campagna “Niente sconti a chi paga il pizzo”. Il secondo gruppo dedicato all’impresa ha il compito di far avvicinare nuove attività commerciali alla rete di Libera, accompagnandole nei percorsi di denuncia e di ribellione al sistema mafioso. A questo proposito, secondo Libera, è necessario mettere mano alla leggere regionale Antiracket al fine di facilitare le denunce da parte degli imprenditori. Il terzo gruppo si occupa infine della comunicazione e della diffusione delle iniziative dell’Associazione, in una difficile e complicata come quella reggina, dove secondo i dati di Libera, più del 50% degli esercizi commerciali sul Corso Garibaldi sono in mano alla ‘ndrangheta, anche se perfettamente in regola sotto il profilo strettamente legale.
La serata di Lazzaro, organizzata da ReggioLibera Reggio, si concluderà con una cena al ristorante “L’accademia” di Filippo Cogliandro, tra i primi imprenditori a ricevere la certificazione antiracket. L’obiettivo è anche quello di esprimere concretamente solidarietà e vicinanza a chi decide di denunciare i propri estorsori, cercando di valorizzare il consumo critico e responsabile nei confronti di quelle aziende tutt’oggi sono sottoposte ad un regime di concorrenza sleale da parte della mafia e delle sue imprese.
“Gli arresti di queste settimane – ha dichiarato il Coordinatore di Libera Mimmo Nasone – sono senza dubbio importanti, ma non bastano. E’ necessario colpire con forza la zona grigia, quella più pericolosa. Reggio è un sistema dove la ‘ndrangheta, la massoneria deviata, la mala politica, stanno distruggendo tutto. Serve una presa di coscienza collettiva ed una ribellione culturale. Ma lo Stato da parte sua deve essere credibile, perché non è più possibile chiedere ai cittadini di fare gli eroi. Uno Stato che vuole tagliare uno strumento fondamentale come quello delle intercettazioni o che nomina un Ministro per evitare un processo perde la sua credibilità e si allontana dai cittadini”.