“POI UN BRUTTO GIORNO CI INTERRUPPERO IL CAMMINO..”

gianlucagrillodi Stefano Perri – Gianluca Grillo era un giovane attivista ventottenne del collettivo universitario Ateneo Controverso all’interno dell’Università della Calabria.
Il suo impegno sociale e politico, unito a quello di tantissimi altri giovani dell’ateneo cosentino, ha rappresentato una delle novità più importanti del panorama universitario meridionale.

E’ dura uscire di casa e scontrarsi a vent’anni con l’amara realtà del mondo universitario italiano, pieno di ingiustizie e contraddizioni, dove la meritocrazia e la giustizia sociale rappresentano spesso solo un miraggio lontano e sbiadito. Gianluca Grillo, universitario, meridionale. Già perche alle problematiche dell’università si vanno ad aggiungere le contraddizioni di un Sud che troppo spesso ruba il futuro ai suoi giovani.
Gianluca era tra coloro che avevano deciso di opporsi a tutto questo. Partito da Torre Melissa, un piccolo paesino in provincia di Crotone, era giunto all’Unical carico di speranze. Studente della facoltà di Economia dell’Università della Calabria e tutor della facoltà di Lettere dello stesso Ateneo. Tanti sogni, tanti progetti.
Il suo impegno spezzato improvvisamente e tragicamente una settimana fa, il 18 di aprile, quando il suo cuore ha smesso di battere su un lettino dell’Ospedale Annunziata di Cosenza. I suoi compagni che lo avevano accompagnato poco prima, lo aspetteranno invano per ore sui gradini d’uscita dell’ospedale.
Sulla morte di Gianluca in questa settimana si è detto e scritto tanto, forse troppo. I media calabresi, come spesso avviene, sono stati capaci di sostenere tutto e il contrario di tutto. E forse la verità non è ancora mai venuta realmente fuori. Strill prova a fare un po’ di chiarezza su ciò che è avvenuto. E lo fa amplificando la voce di chi ha vissuto direttamente la vicenda, al fianco del povero Gianluca fino agli ultimi istanti di vita.
Carlo è uno dei ragazzi di Ateneo Controverso. Uno di quelli che ha condiviso fin dall’inizio con Gianluca il suo percorso di impegno sociale e politico all’interno dell’Università.
Alle sue parole affidiamo il ricordo e la memoria di una giovane vita spezzata, di un futuro negato.


“Questa è una brutta storia. Una di quelle che potrebbe sembrare una delle tante, una come le altre. Ma non lo è. Non lo è per il semplice fatto che ciò è che davvero irreparabile è accaduto a un amico, fratello, compagno di 1000 battaglie con cui si divideva cibo, letto, birra.

Non lo è. Forse potrebbe esserlo, se non fosse per quei brividi gelidi che ti passano continuamente lungo la schiena, per quelle fitte che ti stritolano il petto, per quelle lacrime che hai versato e verserai ancora a lungo.

Volevamo cambiare la nostra Università, la nostra regione, la nostra terra. Volevamo farlo per davvero, e per un po’ ci era anche assalita l’ingenuità che in fondo qualcosa stessimo smuovendo. Pensavamo che in fondo se un altro mondo era davvero possibile, allora da qualche piccola parte bisognava pur partire. Con tutti i nostri limiti (tanti) e tutta la nostra rabbia (enorme). Sì, rabbia. La rassegnazione e lo scoramento per ciò che vedevamo attorno a noi, nei nostri piccoli paesi, nella mentalità di chi avevamo accanto, era finalmente maturata in una grande rabbia, genuina e lucida, che non riusciva in ogni caso ad accantonare la pacatezza e il sorriso che Gianluca quotidianamente portava con sé.

Gianluca non a caso era, per me e per tutti noi, il “Panda”. Perché la calma e lo stile che lo contraddistinguevano se li portava sempre con sé, anche nelle situazioni più esasperate (memorabili la “PAPERA!” alla funzionaria al rettorato che ci incolpava di non rispettare i lavoratori (noi!), o il “Ponzio Pilato” al responsabile ufficio stampa del rettore che scappava dall’ennesimo confronto).

Gianluca era questo. Una persona semplice, buona, che tutti vorremmo incontrare almeno una volta nella vita, per capire quanta bella sia e quanto si possa ricevere e sentirsi fortunati anche solamente da una semplice discussione con un amico. In fondo, chi lo conosceva sapeva che era proprio la sua semplicità la sua dote rivoluzionaria.

Poi un brutto giorno ci interruppero il cammino. Ci svegliarono a tutti quanti per ricordarci che la vita dà e che la vita prende, anche se molte volte i conti non tornano. Ma Gianluca si ritrova davanti ancora una volta proprio quella Calabria che da anni contrastava.

Si perché non è sufficiente che una famiglia sia straziata dal dolore, non basta che un padre debba seppellire suo figlio, non serve che gli amici e compagni lo piangano increduli sui gradini di un ospedale. No, il giornale la mattina deve comunque uscire, e le sue copie le deve vendere. E’ il mercato. E allora via con droga party, amici/nemici pronti a pugnalarlo alle spalle, canne che spappolano il cuore e già che ci siamo titoloni ambigui in prima pagina con mega foto, che magari un centinaio di copie di più le vendiamo. Lasciamo perdere le malattie della politica, i latitanti arrestati, i quotidiani omicidi sui posti di lavoro, la devastazione mafiosa del nostro territorio, il commissariamento calabrese che dura da 15 anni, e fosse mai che escano i legami mafiosi dei partiti, subito pronti a spostare o licenziare i giornalisti scomodi, quelli veri.

Non permetteremo che il nome di Gianluca venga così squallidamente infangato da 4 giornalisti servi degli interessi del proprio padrone, buoni solo a inventarsi la morte dovuta “all’ultima canna di notte” quando anche la scienza mondiale afferma che di erba non è mai morto nessuno, anzi.

Così come non permetteremo che si giochi sulla pelle di altri 5 compagni sui quali pesano, oltre le tre giornate di carcere preventivo per tre di loro, le assurde accuse di “morte come conseguenza di altro reato”. Accuse palesemente infondate, assurde e offensive, create ad arte per montare l’ennesima bufala giornalistico-giudiziaria ed occultare le eventuali responsabilità dei medici che se fossero intervenuti con rapidità ed efficienza avrebbero forse potuto evitare l’arresto cardiaco.

Ma Gianluca se lo sarebbe aspettato. Forte delle sue esperienze politiche e sociali sul territorio, sapeva benissimo che per quanto tu possa amare questa terra, prima o dopo ti scontri con ciò che la rende maledetta.

Compagno e amico di tante, tantissime battaglie, sarà dura continuare senza di te Grillo. Non sembra ancora vero. E’ come se tutti stessero aspettando la telefonata che ci avvisi dello scherzo. Ma quella telefonata non arriverà. Anche se è inutile pensarci, e fa anche male, mi chiedo come sarebbe andata, come saremmo usciti dall’Università, e se quei piccoli obiettivi prefissati saremmo mai riusciti a raggiungerli. Mi chiedo come saranno le prossime grigliate, le prossime proiezioni, assemblee, attacchinaggi, iniziative, la mensa, i martennson senza il tuo faccione, la tua voce bassa e la mano in tasca. Non riesco a immaginarmeli, e sono in tanti a non riuscirci.

E’ stato bello conoscerti, averti accanto e aver condiviso perfino il materasso nei 2 indimenticabili mesi martenssoniani. Auguro di cuore che tutti possano avere la stessa fortuna che ho avuto io nell’incontrare una persona bella come te, che ti dava l’energia e il sorriso per fare qualsiasi cosa, anche magari di credere che se esistessero altri calabresi come Gianluca Grillo, allora la Calabria inizierebbe ad avere non più speranze, ma certezze.

Ciao fratello mio, non penso ci sia niente lassù, se non un tappeto di stelle infinito dove poterti guardare ogni notte.

Ma se mi dovessi sbagliare, e se in fondo ci fosse davvero qualcosa, allora già ti vedo, lì in paradiso, che già conosci tutti, e con tutti continui a parlare e ad aspettarci. Ovviamente, con un bicchiere di vino e la mano in tasca”.

ciao gianlù..

REGGIO: DETENUTO DI 23 ANNI MUORE SUICIDA IN CARCERE

carcereUn detenuto di 23 anni si è suicidato nel pomeriggio nel carcere di San Pietro, a Reggio. A dare la notizia il Sappe, il sindacato autonomo di polizia penitenziaria. “Un detenuto di 23 anni – ha informato il segretario generale aggiunto dell’organizzazione sindacale – si è impiccato nella sua cella”. Il fatto è avvenuto intorno alle 16 e 30 e pare che il detenuto fosse in carcere da un mese, in attesa di giudizio.
Nel corso dell’anno si erano registrati altri due tentativi di suicidio all’interno del penitenziario reggino, entrambi scongiurati dall’intervento degli uomini della polizia penitenziaria.
La stessa polizia penitenziaria che lamenta da tempo carenze numeriche nell’organico: “La sezione dove è avvenuto il suicidio è dislocata su due piani e l’agente, per effettuare i controlli, deve spostarsi da un piano all’altro. Di solito, a causa della carenza di personale, c’è un solo agente che effettua la sorveglianza. La Calabria soffre di gravi carenze di personale e solo a Reggio Calabria mancano 50 agenti. L’organico previsto è di 199 agenti e ce ne sono circa 150”.

MILANO: VIDEO SHOCK SUL RACKET DELLE POMPE FUNEBRI

Un video choc, che mostra in azione infermieri e addetti delle pompe funebri negli ospedali mentre danno vita al cosiddetto racket del caro estinto, e’ stato realizzato dai membri di un’associazione, a Milano, che si sono finti parenti di pazienti prossimi al decesso. Il documento, realizzato dall’associazione Sos Racket e usura, gia’ al centro di clamorose denunce, mostrato in anteprima all’ANSA, e’ stato poi diffuso questa notte su Internet. I cittadini, con una videocamera nascosta, hanno ripreso gli infermieri che ‘consigliavano’ le imprese a cui evidentemente erano collegati, in due ospedali, uno nel capoluogo lombardo e uno nell’hinterland, e poi hanno testimoniato il lavoro irregolare degli addetti delle pompe funebri, indebitamente presenti nelle strutture sanitarie, che a loro volta davano informazioni non veritiere sulla Legge e sulle procedure, per accaparrarsi il cliente.

”C’e’ una mia zia che non sta bene. I miei cugini sono su in corsia, dicono che e’ questione di ore…”. Con queste parole i finti parenti avvicinavano gli infermieri delle camere mortuarie, e prima ancora che finissero di spiegare venivano portati in uffici e ‘consigliati’ su che impresa di pompe funebri chiamare. In un caso, in un ospedale dell’hinterland a sud di Milano, il paramedico, in pieno orario di lavoro, si e’ tolto il camice e ha perfino accompagnato il finto parente direttamente nell’ ufficio dell’impresa mortuaria. Ogni volta, naturalmente, i costi erano di mille o duemila euro superiori a quelli della tariffa minima. E in piu’ di un’occasione i becchini si sono spacciati per ”ditte appaltatrici” dell’ospedale o addirittura del Comune. ”E’ rimasto tutto come prima – dice Frediano Manzi, presidente dell’associazione Sos Racket e usura – Il racket del caro estinto, che ha mostrato legami criminali e procedure da guerra commerciale, e’ sempre li’ che incombe sulla testa dei cittadini in un momento di bisogno e difficolta’. E nessuno lo riesce a stroncare”. Un’indagine che fece scalpore, con arresti e denunce nel settore, venne realizzata proprio a Milano nel settembre scorso.

INCIDENTE STRADALE SULL’A3: MUORE UN BAMBINO

autostradaIncidente mortale al km 148,000 dell`autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria, tra gli svincoli di Lauria sud e Laino Borgo in direzione sud. Un’auto, per cause ancora da accertare, si è ribaltata dopo aver effettuato un sorpasso, provocando il decesso di un minore e il ferimento lieve di altre 3 persone, che viaggiavano tutte a bordo dello stesso veicolo.
Si tratta di una famiglia di Gela che stava rientrando in Sicilia. Sul posto le squadre di pronto intervento Anas, Vigili del fuoco, Polizia stradale, un’ambulanza del 118 per gli immediati soccorsi. Sono in corso da parte della Polizia stradale gli accertamenti della dinamica. L`incidente, che si è verificato su un tratto autostradale a 2 corsie dove non sono presenti cantieri, nè restringimenti di carreggiata, ha provocato qualche disagio alla circolazione in direzione sud. Al momento si transita su una sola corsia per consentire gli accertamenti da parte della polizia stradale e la rimozione del mezzo incidentato.