SCUOLA: CARO LIBRO MA QUANTO MI COSTI?

libridi Stefano Perri – La scuola è iniziata. Il quadro è completo. Stamattina tutti gli studenti calabresi sono entrati regolarmente in classe. Tra le città calabresi mancavano all’appello le scuole di Crotone, rimaste chiuse per due giorni a causa della mancanza d’acqua in città nei giorni di lunedi e martedi. Ma stamattina dopo la vacanza supplementare,  anche nella città di Pitagora è suonata la fatidica campanella.
Anno nuovo, problemi vecchi, in alcuni casi aggravati. Nel mondo della scuola le questioni principali si ripropongono.  Fin dal primo giorno di scuola aleggiano già le polemiche per le cosiddette classi pollaio, dovute essenzialmente alla carenza di personale docente. Nonostante le decine di migliaia di assunzioni annunciate dal ministro Gelmini, è già in programma una manifestazione nazionale del mondo della scuola per il 7 ottobre prossimo.
A fianco al problema delle classi e a quello del personale si affianca, in tempi di crisi economica, anche quello sempre più pressante del costo dei libri di testo.
Migliaia di studenti calabresi avranno avuto in mano durante questi primi giorni di scuola la lista dei libri che serviranno per gli studi dell’anno scolastico appena iniziato. Nel giro di pochi giorni gli studenti dovranno averli acquistati tutti. Una spesa davvero ingente per le famiglie che ogni anno nel mese di settembre si trovano a fare i conti tra autori e case editrici rinnovate, vecchie e nuove edizioni tra le quali, quasi sempre, cambia solamente la copertina.
Per porre un freno a tutto questo ormai da diversi anni il Ministero ha posto dei limiti, delle soglie di spesa che costituiscono il tetto complessivo per il costo dei libri di testo di un singolo studente. Continua a leggere

LA SCUOLA CADE A PEZZI: E’ LA CALABRIA LA REGIONE PIU’ A RISCHIO

scuolerischiodi Stefano Perri (www.strill.it) – Sono 1428 in tutta la Calabria gli istituti scolastici che presentano fattori di gravi criticità. A confermarlo è uno studio del Ministero della Pubblica Istruzione che indica la Calabria come la regione scolasticamente più disastrata in Italia.
‘Mentre si attende il Piano generale di edilizia scolastica, che il ministro Gelmini dovrà emanare per ordine del Tar Lazio e del Consiglio di Stato, il Codacons ricorda come, in base a uno studio dello stesso dicastero della Pubblica Istruzione, gli istituti scolastici italiani che presentano gravi criticità sono ben 12mila, il 28% del totale. Numeri davvero impressionanti quelli che vengono fuori nella nota attraverso la quale il Codacons comunica i dati rilevati.

L’elenco delle scuole a rischio è stato redatto dopo un monitoraggio disposto a gennaio 2009 dall’ Intesa Stato-Regioni ed effettuato in tutti gli istituti scolastici del paese, contiene le 12.000 scuole italiane che presentano le più gravi criticità, ed è emerso con il Decreto Interministeriale Miur di concerto con il Mef del 23 settembre 2009, che individuava per l’anno scolastico 2009-2010 le scuole che dovevano essere destinatarie della riduzione del numero di alunni per classe, quando le aule erano sottodimensionate.

Tralasciando il dato della regione Campania che risulta ad oggi incompleto, è la Calabria la regione maggiormente a rischio, con ben 1428 istituti scolastici non a norma, con gravi lacune strutturali. Una situazione che ovviamente si ripercuote anche sulla sicurezza di studenti e docenti che ogni giorno studiano e lavorano all’interno delle scuole calabresi. Ma non solo. A farne le spese è anche la didattica che in una situazione assolutamente disastrata come quella presentata dal rapporto deve il più delle volte fare a meno di laboratori e strutture efficienti.

In coda dopo la Calabria troviamo la Lombardia con 1026 istituti a rischio. Un dato, quello lombardo, che va ovviamente riportato nel contesto di una regione dove è altissimo il numero di edifici scolastici esistenti. E con ciò è facile comprendere quanto grave sia la situazione di una regione come la Calabria che seppur con una popolazione e quindi un numero di istituti scolastici nettamente inferiore rispetto ad altre regioni italiane, le supera di gran lunga in termini assoluti di scuole a rischio. Se a questo aggiungiamo l’elevatissimo rischio sismico ed idrogeologico al quale la Calabria è sottoposta, in particolare in alcune aree sensibili, è evidente come la situazione si annunci davvero drammatica.

Gravi le situazioni riscontrate anche in Sicilia, Veneto e Puglia, che necessitano come la Calabria di un piano urgentissimo e strutturale di edilizia scolastica per ristabilire quantomeno le condizioni di normale sicurezza per le migliaia di studenti e docenti coinvolti. Non è possibile attendere che accadano altre terribili tragedie nel mondo della scuola per avviare i provvedimenti urgenti e necessari.

REGGIO: LA CGIL IN PIAZZA CONTRO LA MANOVRA FINANZIARIA DEL GOVERNO

di Stefano Perri – “No alla manovra finanziaria del Governo Berlusconi”. E’ stato questo il messaggio lanciato dalla manifestazione organizzata dalle Cgil in occasione dello sciopero che ha avuto luogo questa mattina in diverse città italiane. Alla manifestazione reggina di Piazza Camagna, che è stata replicata anche a Gioia Tauro e nelle altre province calabresi, erano presenti diverse sigle sindacali confederate alla Cgil. Si sono infatti alternati sul palco Elisabetta Gambello della Flc, la segretaria confederale del circondario Reggio-Locri Mimma Pacifici, Gemma Sorgonà del comparto Scuola, Mimma Mandica della Funzione Pubblica nel settore sanità, il Segretario regionale Sergio Genco, Pietro Aloi a rappresentare la categoria dei pensionati e Lello Signorello della Fiom.
Le conclusioni sono state affidate al Segretario Nazionale Nicola Nicolosi, presente a Reggio per la manifestazione, che ha riassunto la difficile situazione che il mondo del lavoro sta vivendo in questo periodo di crisi economica e sociale. “Assistiamo progressivamente ad un aumento della disoccupazione e della povertà, all’aumento del divario tra ricchi e poveri” ha tuonato Nicolosi dal palco di Piazza Camagna. “Nei momenti di crisi c’è bisogno di coraggio e il Governo non lo dimostra, facendo pagare i costi della crisi alle categorie più deboli. La Cgil dice no alla strategia del Governo e non si sente affatto isolata perché affianco a lei ci sono migliaia di lavoratori che stanno scioperando in tutta italia”. Tra le proposte una riforma del fisco che porti all’abbassamento della pressione sui redditi da lavoro dipendente e sulle pensioni, sostenendo la lotta all’evasione e all’elusione delle tasse. Contemporaneamente l’obiettivo è quello di abbattere gli sprechi nella pubblica amministrazione e ridurre i costi della politica che pesano sui lavoratori e sulle imprese. Imprese che per il Segretario Nicolosi “oggi non vogliono riconoscere le leggi dello Stato e la Costituzione, tentando di diventare esse stesse uno Stato a parte”. Solidarietà è stata espressa nei confronti dei lavoratori della fabbrica Fiat di Pomigliano d’Arco, in particolare da parte del comparto Fiom, che organizzerà un’assemblea nazionale il prossimo 1 luglio proprio nel centro del napoletano.

In piazza anche il Centro Sociale Angelina Cartella di Gallico e diverse associazioni e partiti che hanno ritenuto di unirsi alle rivendicazioni della Cgil. Presenti anche diversi rappresentanti istituzionali: dal Consigliere Regionale Nino De Gaetano ai consiglieri provinciali Pino Mazzaferro e Omar Minniti, il consigliere comunale di Reggio Demetrio Delfino, il consigliere e candidato a Sindaco Massimo Canale ed il neoeletto Sindaco di Polistena Michele Tripodi con tanto di gonfalone a rappresentare l’intera cittadina della Piana.

LEGGI L’ARTICOLO IN PRIMO PIANO SU STRILL.IT –> http://www.strill.it/index.php?option=com_content&task=view&id=71992

REGGIO: MASSIMO CANALE CHIEDE LA MESSA IN SICUREZZA DELLA DISCARICA LONGHI BOVETTO

di Stefano Perri – Una discarica, chiusa. Una scuola elementare, chiusa anche quella. Una situazione che ha del paradosso quella presentata dal candidato a Sindaco Massimo Canale
durante la conferenza stampa un po’ insolita che si è tenuta sulle colline della periferia reggina. Siamo in località Longhi Bovetto, sopra Saracinello, a due passi dalla Scuola Calcio Ciccio Cozza. La discarica, chiusa con delibera del Consiglio Comunale nel 1999 e mai messa in sicurezza, rilascia liquidi e gas maleodoranti nel terreno e nell’aria. La scuola costruita li a fianco nei primi anni duemila non può essere inaugurata proprio a causa della discarica.
“E’ davvero un paradosso che siano passati undici anni – riflette Canale – e ancora non si è riusciti a mettere in sicurezza la discarica. L’apertura della scuola elementare risolverebbe tanti problemi per lo spostamento dei bambini e potrebbe rappresentare un motivo di crescita e sviluppo dell’intera zona”.
Nonostante il fitto carteggio tra Arpacal, Azienda Sanitaria e Comune di Reggio Calabria, il problema sembra ancora lontano da una definitiva risoluzione.
La discarica non è stata ricoperta, con la conseguenza che le acque piovane filtrano i residui della spazzatura e si riversano nel sottosuolo sotto forma di percolato. Lo stesso viene raccolto attraverso un sistema di canali in una apposita vasca che dovrebbe essere periodicamente svuotata. Il prelevamento del percolato avveniva in effetti regolarmente fino a circa un anno e mezzo fa, ad opera della società specializzata Salvaguardia Ambientale Srl di Crotone che ha visto tra i suoi soci quel Raffaele Vrenna poi condannato per concorso in associazione mafiosa. Da qualche tempo a questa parte il liquido non viene più ritirato, provocando la fuoriuscita del percolato. I liquidi vanno quindi a confluire nel torrente Bovetto, innaffiando gli orti dove i cittadini del centro abitato sottostante coltivano nutrienti pomodori che andranno a finire nei piatti degli stessi bambini che dovrebbero frequentare la scuola elementare ancora inesorabilmente chiusa.
La messa in sicurezza della discarica, come sottolinea lo stesso Canale, non è dunque solo una questione infrastrutturale che consentirebbe l’apertura della scuola elementare, ma rappresenta un problema dal punto di vista sanitario da quando la vasca del percolato non viene più svuotata.
Nel piano delle opere pubbliche in via di approvazione a Palazzo San Giorgio esiste una voce di bilancio di 570mila euro per la messa in sicurezza del sito, ma si prevedono probabilmente tempi ancora lunghi per la definitiva apertura della scuola.
La speranza di Canale, e quella dei cittadini di Longhi Bovetto che si sono costituiti in comitato, è quella di ripristinare le condizioni ambientali della zona, con la messa in sicurezza definitiva del sito interessata dalla discarica, per poter consentire l’apertura della scuola con la conseguente riqualificazione dell’area circostante.
Massimo Canale durante l’insolita conferenza stampa

Lo scarico del percolato a valle tra gli orti del centro abitato

La scuola elementare Longhi Bovetto, ancora inesorabilmente chiusa!

Lo spiazzo della discarica che dovrebbe essere ricoperto

La vasca di raccoglimento del percolato. Non viene svuotata da circa un anno e mezzo