L’ITALIA DI NUOVO AL VOTO. TUTTI I BALLOTTAGGI DI DOMENICA E LUNEDI

La partita delle amministrative si avvia verso la fase conclusiva con i ballottaggi di domenica e lunedi’. Urne aperte per la prima volta invece in Sicilia per un turno elettorale che coinvolgera’ 27 comuni per il rinnovo di sindaci e consigli comunali. Nel complesso saranno 6.605.806 gli italiani che si recheranno ai seggi.
QUANDO SI VOTA – Le operazioni di voto si svolgeranno domenica dalle ore 8 alle ore 22 e lunedi’ dalle ore 7 alle ore 15; lo scrutinio avra’ inizio nella stessa giornata di lunedi’ al termine delle operazioni di voto e dopo il riscontro del numero dei votanti. Per il turno di ballottaggio si sceglie solo tra i due candidati (presidenti di provincia o sindaci) che hanno ottenuto, al primo turno, il maggior numero di voti e l’elettore vota tracciando un segno sul rettangolo entro il quale e’ scritto il nome del candidato prescelto.
CORPO ELETTORALE – Considerando una volta sola gli enti interessati contemporaneamente a piu’ tipi di consultazioni, il numero complessivo degli elettori del ballottaggio nelle regioni a statuto ordinario sara’ di 5.577.816, a cui vanno aggiunti per le Regioni a statuto speciale i 475.412 del Friuli Venezia Giulia, i 397.001 della Sicilia e i 175.577 della Sardegna. Nelle Regioni a statuto ordinario il turno di ballottaggio nelle cinque province interessera’ un corpo elettorale di 1.701.480 elettori, di cui 818.566 maschi e 882.914 femmine. Le sezioni elettorali saranno 2.219. Il ballottaggio negli 81 comuni delle regioni ‘ordinarie’ interessera’ 3.906.012 elettori, di cui 1.855.363 maschi e 2.050.649 femmine. Le sezioni elettorali saranno 4.606.
BALLOTTAGGI PER COMUNI E PROVINCE – Sono in tutto 88 i Comuni chiamati al ballottaggio i prossimi 29 e 30 maggio. Agli 81 delle Regioni a statuto ordinario se ne aggiungono infatti 4 in Friuli-Venezia Giulia (Trieste, Monfalcone, Pordenone, Cordenons) e 3 in Sardegna (Cagliari, Sinnai, Iglesias). In tutto sono 13 i capoluoghi di provincia che sceglieranno il sindaco al secondo turno: Novara, Milano, Varese, Rovigo, Rimini, Grosseto, Napoli, Cosenza, Crotone, Trieste, Pordenone, Cagliari e Iglesias. Le Province saranno nel complesso 6: Vercelli, Mantova, Pavia, Trieste, Macerata e Reggio Calabria.
COMUNALI IN SICILIA – Sono 27 i Comuni coinvolti per un totale di 4.775 candidati, di cui solo 951 donne (5%), in 120 liste, vale a dire un aspirante eletto ogni 83 votanti. Unico capoluogo coinvolto e’ Ragusa (61.711 elettori), mentre in provincia di Enna non si vota in alcun Comune. Gli elettori dovranno scegliere 505 consiglieri comunali oltre ai sindaci (per la carica si presentano in 102). Tra i centri maggiori Canicatti’ e Favara, in provincia di Agrigento, Bagheria, nel palermitano, e Vittoria in provincia di Ragusa. Verranno rinnovate anche le circoscrizioni di Aspra, nel comune di Bagheria e Scoglitti, in quello di Vittoria. Oltre che negli enti il cui rinnovo era gia’ fissato per scadenza naturale, si votera’ anche a Vallelunga Pratameno (Cl), Terrasini (Pa), Ferla e Sortino (Sr), dove i sindaci si sono dimessi o sono stati sfiduciati, e Favara (Ag), dove il sindaco ha lasciato dopo la chiusura delle indagini, che lo riguardano, sul crollo di una casa che provoco’ la morte di due sorelline. Col sistema proporzionale andranno al voto 13 comuni, 14 con il maggioritario. Il minitest elettorale nell’isola sara’ di difficile interpretazione per i maggiori partiti nazionali perche’ la stragrande maggioranza delle liste e’ d’ispirazione civica mentre movimenti che stanno su fronti opposti a livello nazionale o regionale in qualche caso hanno stretto alleanze per il voto comunale.
CURIOSITA’ – Numerosi i casi di ballottaggi decisi per l’esito al fotofinish di due settimane fa. Il caso piu’ eclatante, ricorda un’analisi di Anci Comunicare, e’ quello del sindaco uscente di Varese, Attilio Fontana, costretto al ballottaggio per meno di 0,7 punti percentuali. Ma il record spetta a Ginetto Perseu, candidato sindaco del centrodestra a Iglesias, che si e’ fermato al 49,909%, in una citta’ con 24 mila elettori. Un pugno di voti, insomma, lo hanno costretto al ballottaggio con la candidata del centrosinistra, Marta Testa, che lo tallona con il 46% delle preferenze al primo turno. Svetta infine il caso del Comune di Fraine, dove si va al ballottaggio pur avendo soltanto 463 abitanti: al primo turno i due candidati hanno raggiunto la perfetta parita’ nel numero delle preferenze e dunque si dovra’ tornare al voto.

REGGIO: IL NUOVO CONSIGLIO COMUNALE ELETTO

consigliocomunaledi Stefano Perri – I nomi dei nuovi inquilini di Palazzo San Giorgio, tra volti nuovi e vecchie conoscenze. All’indomani della tornata elettorale, il nuovo consiglio comunale composto da 32 consiglieri dei quali 22 di maggioranza e 10 di opposizione. A urne chiuse, a conteggi effettuati (o quasi), prende forma il nuovo Consiglio Comunale di Reggio Calabria. La forza politica più ampiamente rappresentata, come già era accaduto per lo scorso consiglio, è quella del Pdl con ben otto consiglieri. Segue a ruota la lista Scopelliti Presidente con quattro consiglieri e sul gradino basso del podio  Reggio Futura che uguaglia numericamente l’UdC e il Partito Democratico con tre consiglieri.  Continua a leggere

REGGIO: FLI AVRA’ UN SUO CANDIDATO PER IL COMUNE. E SIAMO A OTTO.. VENGHINO SIORI VENGHINO!

di Stefano Perri – Venghino siori venghino. A Reggio non si finisce mai di stupire. E’ di oggi la notizia dell’ennesima candidatura alla corsa per Palazzo San Giorgio. Si è riunito in queste ore infatti, presso la sua sede provinciale, il coordinamento cittadino di Futuro e Libertà proprio al fine di decretare la linea politica da seguire nelle prossime elezioni amministrative. Durante il dibattito  è emersa la volontà di non proseguire le trattative politiche iniziate in precedenza, dal momento che non si sono create le condizioni per la costituzione del Polo della Nazione.
“Per tale motivo – recita la nota firmata dai finiani- Futuro e Libertà presenterà a Reggio Calabria una sua lista ed un suo candidato sindaco. FLI infatti non intende rispondere alle consuete logiche politiche ma vuole invece offrire un’alternativa politica in discontinuità con il passato. I temi fondamentali che caratterizzeranno l’indirizzo politico e le linee guida del governo della città saranno: la disoccupazione giovanile, la valorizzazione delle risorse umane e storico-culturali del territorio, il turismo come vero catalizzatore economico in grado di far decollare le potenzialità della città. Idee concrete nella loro semplicità che possano davvero trasformare Reggio in una città più vivibile, proprio ora che, cadute le velleità del “modelo Reggio”, si scopre qual’è la dura situazione del nostro comune”.

Con l’odierna candidatura di Fli i candidati ufficiali per la carica di sindaco sono ben sette. Una vera e propria Babilonia. Oltre a quello dei Finiani, evidentemente ancora da scegliere, gli altri candidati al Comune cui è stata data ufficialità pubblica fino ad oggi erano stati: Demi Arena, Paolo Gatto, Peppe Bova, Massimo Canale, Aldo De Caridi e Pino Siclari. E ciò si verifica mentre ancora quello che dovrebbe essere il maggiore partito del centro sinistra ufficialmente, il Partito Democratico, non si è ancora determinato. Potrebbe appoggiare Canale, dicono i rumors, ma potrebbe anche tirare fuori dal cilindro l’ennesimo, l’ottavo per la precisione, candidato alla corsa a Palazzo San Giorgio. Insomma a quanto pare una risposta indecente a chi si è sempre lamentato dell’eccessiva frammentazione della politica. Mentre qualcuno ha sempre sostenuto che i partiti sono troppi in Italia, con le comunali reggine si è riusciti ad avere quasi più candidati sindaco che partiti. Mi pare che ci siamo no? la strada è quella giusta…  Ma d’altra parte non è vero che la politica è solamente lo specchio della società? Mi dispiace ma non voglio stare dalla parte di quelli che puntano il dito contro le istituzioni corrotte e i ladri di partito senza guardare prima a cosa avviene dentro il proprio condominio, dentro il salotto di casa propria. Non è giusto, non è corretto.
Se queste amministrative saranno l’emblema della confusione e dell’egoismo di bottega (mettici anche almeno 4-5 candidati per la Provincia) ciò sarà stato determinato di certo dalla politica, ma sicuramente permesso dalla gente, dal popolo. Se la politica fa confusione è solo perchè la gente fa confusione. O per meglio dire se la politica è confusa è perchè la gente è confusa. Perchè la gente non sceglie, perchè la gente non decide. Qui non si tratta di prendere il fucile,  ma semplicemente di farsi un’idea chiara di quale modello di città e di provincia si vuole per il futuro. Sarà facile, una volta fatto questo, affidare le proprie idee ad un candidato serio e credibile che possa rappresentarle, dalla maggioranza o dall’opposizione, all’interno dei palazzi.
Ma qui a Reggio il meccanismo della delega è diventato un circo. Otto candidati alla carica di Sindaco, almeno altri cinque alla carica di presidente della provincia. E la storia non è ancora finita.
E allora.. venghino siori venghino!

REGGIO: LA FORMAZIONE PARTECIPATA DEL MUSEO DELLA NDRANGHETA

di Stefano Perri, da http://www.strill.it – Museo della ndrangheta e Atam insieme per sensibilizzare la scuola e l’universo giovanile sul tema della lotta alla ndranhgeta. Con la conferenza tenutasi proprio all’interno della sua sede, il Museo avvia oggi la sua terza fase operativa con l’attivazione del progetto di “Formazione Partecipata”. Si tratta di un processo di costruzione condivisa dei percorsi conoscitivi sulla ndrangheta attraverso un ciclo di laboratori con studenti di scuole provenienti da diverse Regioni. E per farlo si avvale della collaborazione dell’Atam, che attraverso l’impegno del suo Presidente Demi Arena mette a disposizione i suoi mezzi per l’accompagnamento degli studenti. Il periodo di formazione avrà inizio la settimana prossima, precisamente il 16 di marzo, con la visita di una scolaresca di Padova ed un seminario tenuto dal Procuratore aggiunto Michele Prestipino, e andrà avanti quotidianamente per tutto l’anno con le visite guidate delle scuole provenienti da ogni parte d’Italia, Reggio compresa.
Si avvia cosi il protocollo d’intesa siglato tra il Museo e l’Atam siglato nel mese di maggio dello scorso anno che prevede tra l’altro anche la realizzazione di un punto informativo interamente dedicato alle iniziative del Museo della ndrangheta.
Questa terza fase operativa segue le intese istituzionali con gli Enti pubblici, le scuole, le Università e le altre Associazioni con l’obiettivo di costruire un ampia piattaforma progettuale condivisa.
“Abbiamo coinvolto le scuole – dichiara l’ideatore del Museo Claudio La Camera –  perché crediamo nell’immenso valore formativo che possono offrire i percorsi conoscitivi sul tema della ndrangheta. Le visite guidate si trasformeranno in una sorta di laboratorio della democrazia partecipata. L’idea è quella di costruire uno spazio di dialogo e approfondimento critico in cui gli studenti possono costruire il proprio percorso conoscitivo”.  I lavoratori affronteranno le tematiche del racket, dei sequestri di persona, della criminalità ambientale e dei canti di mafia. Il feedback dei partecipanti, strumento essenziale per la condivisione, sarà rappresentato con delle produzioni multimediali.
“Il Museo – continua La Camera – deve essere voluto dalla gente, permeato con le esigenze del territorio, e costruito dagli stessi cittadini. E’ un obbiettivo fondamentale della nostra esperienza e per questo ringraziamo l’Atam per l’importante collaborazione offertaci”.
Ma il supporto del Trasporto Pubblico non è solamente logistico e non si ferma al mero trasferimento degli studenti dal centro città al Museo.
“Il bus è un mezzo di comunicazione straordinaria – dichiara il Presidente Demi Arena – e noi vogliamo sfruttarne al massimo tutto il potenziale. Abbiamo già iniziato a lanciare dei messaggi contro la ndrangheta utilizzando gli spazi esterni dei bus. Ma come già è avvenuto in passato in occasione di altre manifestazioni contro la ndrangheta, continueremo a mettere a disposizione i nostri bus per amplificare le iniziative positive che si sviluppano in città. Ad esempio si potrebbero proiettare all’interno dei mezzi i video sulla ndrangheta realizzati dagli studenti durante il progetto. Inoltre i nostri bus saranno presenti alle iniziative organizzate e potranno diventare dei luoghi da sfruttare come spazio sociale condiviso. L’Azienda dunque è a completa disposizione delle associazioni e da questo punto di vista a mio parere sarebbe necessario un coordinamento di tutte le realtà che si oppongono alla ndrangheta con l’obiettivo di lanciare un messaggio di maggiore coesione e forza”.
“Ci teniamo a precisare – conclude poi La Camera – che il progetto è ancora in progress. Ben vengano dunque le idee o le proposte di tutti i soggetti cittadini che hanno a cuore l’obiettivo comune della lotta alla ndrangheta, in primis in ambito culturale. Il fine che perseguiamo è lo sganciamento dei cittadini da una condizione permanente di sudditanza. Sicuramente anche attraverso iniziative come questa si può contribuire a far crescere la comunità, a partire dagli studenti”.

REGGIO: MASSIMO CANALE INCONTRA I CITTADINI DEL RIONE G

rioneg1di Stefano Perri – Continua il viaggio di Massimo Canale tra i quartieri di Reggio. Questa volta il pulmino del cambiamento ha fatto tappa nel rione G e nella zona di via Trabocchetto all’interno della IV Circoscrizione.
Ancora una volta il candidato a sindaco Canale, accompagnato dal suo comitato, ha voluto incontrare i cittadini per riscontrare le loro richieste e le maggiori problematiche che riguardano quel pezzo di territorio.
Un’area che si trova a due passi dal centro ma che sembra risentire di tutte le problematiche della periferia più profonda. Un quartiere pieno di contraddizioni, con enormi potenzialità che però si disperdono nel degrado più assoluto. Lungo la via Vecchio Cimitero sorge infatti la Chiesa Pepe, una costruzione dell’anno mille che è considerata oggi come la struttura di culto più antica della città. Poco distante sorge il Monastero della Visitazione, all’interno del quale sorge anche la sede della circoscrizione, che ha come pertinenza un giardino di più di 10mila metri quadrati sui quali pende la scure della speculazione immobiliare. Poco più in la si colloca invece l’ex Caserma Duca D’Aosta, ceduta dal Ministero della Difesa al Comune di Reggio per un periodo di 19 anni, che potrebbe essere recuperata e utilizzata dai cittadini. Sempre nella stessa area, poco più in alto, sorge il Parco Archeologico, zona dall’inestimabile valore culturale che riversa oggi in uno stato di completo abbandono.
Piaghe incredibili in un territorio pieno di problemi, dove i cittadini denunciano con forza un’assenza delle istituzioni, dove si richiede un progetto di sviluppo che sappia recuperare l’esistente ed allo stesso tempo creare opportunità di sviluppo. Continua a leggere

REGGIO: RAFFA ANNUNCIA 14 MILIONI DI EURO DALLO STATO PER LE CASSE DEL COMUNE

raffacomunedi Stefano Perri, da http://www.strill.it – Rassicura tutti il Sindaco Raffa circa lo stato delle finanze comunali e nel corso di una conferenza stampa tenuta a Palazzo San Giorgio annuncia una importante novità. “Abbiamo appena ricevuto il trasferimento ordinario dallo Stato di ben 14 milioni e 200 mila euro”.
I fondi, ricevuti l’altro ieri, rientrano nei contributi ordinari che ogni anno lo Stato versa nelle casse di tutti i Comuni. Fondi che a breve si ridurranno sensibilmente con l’entrata in vigore del Federalismo Municipale, ma che, come spiega lo stesso Sindaco Raffa “Reggio è riuscita ad avere senza riduzioni grazie alla straordinaria sinergia istituzionale che si è creata tra l’Amministrazione Comunale, il Governatore Scopelliti e il Sottosegretario agli Interni Nitto Palma”.
Dunque un po’ di ossigeno per le casse comunali, che in questi mesi sono state spesso chiamate in causa per una serie di situazioni che hanno generato malcontento e proteste in diversi settori produttivi. “Negli ultimi tempi – ammette Raffa – riguardo la situazione debitoria del Comune si è sviluppato un dibattito politico molto acceso che ha provocato una serie di tensioni in città, ma ora è venuto il momento di riportare il tema del bilancio all’interno del binario dell’ordinaria dialettica all’interno dell’Amministrazione”.
“Sicuramente da qui in avanti – spiega il Sindaco durante la conferenza stampa – avremo la necessità di misurarci con la nuova realtà del Federalismo Municipale, una scelta Governativa che può diventare un opportunità e che abbiamo condiviso anche con la nostra presenza in aula alla Camera durante l’approvazione. C’è bisogno di un grande senso di responsabilità che deve corrispondere ad una sorta di resettaggio mentale da parte di tutti gli amministratori con un approccio diverso riguardo la spesa pubblica”.
Intanto con la cifra appena ricevuta da Roma il Comune darà respiro ai tanti creditori che in questi mesi hanno avanzato lamentele nei confronti dell’Amministrazione. “Distribuiremo queste risorse – continua Raffa – in modo da ottemperare alle richieste dei creditori, che siano imprenditori o associazioni, e ci riuniremo con i tecnici del Comune per valutare tutte le esigenze dovute a causa dei crediti maturati”. Una distribuzione che seguirà, come il Sindaco stesso dichiara, un criterio anzitutto cronologico, iniziando a liquidare i mandati maggiormente arretrati e poi “secondo un piano organizzato attraverso una serie di tavoli tecnici procederemo ad erogare i fondi alle aziende che lamentano situazioni di maggiore difficoltà, sia nel settore delle costruzioni, che in quelli dei servizi sociali e della scuola”.
Ovviamente non basteranno i fondi ricevuti ad ottemperare ai debiti accumulati dal Comune. “Non salderemo tutti i debiti pregressi – conclude Raffa – e su questo non vogliamo creare illusioni, ma con la cifra ottenuta avvieremo un percorso di rientro che porterà importanti risultati per la città”.

REGGIO: IL PULMINO DEL CAMBIAMENTO FA TAPPA A SPIRITO SANTO, SAN CRISTOFORO E CANNAVO’

 

canalepulminodi Stefano Perri, da http://www.strill.it – Continua il viaggio del candidato a Sindaco Massimo Canale nelle periferie di Reggio. Il “pulmino del cambiamento” questa volta ha fatto tappa nei quartieri di Spirito Santo e Cannavò, guidato dal grande entusiasmo di Massimo Canale e dei tanti cittadini che continuano a seguirlo nelle sue ormai abituali incursioni sul territorio.
Quasi a voler richiamare la continuità con le recenti esperienze amministrative del centrosinistra reggino, il pulmino di Canale parte come ormai di consueto dalla stele dedicata al compianto Italo Falcomatà posta sul lungomare cittadino. La visita di oggi è dedicata alla zona di Reggio compresa tra il torrente Calopinace ed il Sant’Agata, nell’area collinare subito al di sopra del centro città.
In primo luogo Canale ha deciso di fare tappa nel quartiere di Spirito Santo, dove il comitato, seguito da una folta rappresentanza di cittadini, ha fatto visita ai locali della mensa per i poveri gestita dalla locale parrocchia guidata da Don Pino Sorbara.
Associata al Banco alimentare, la mensa per i poveri rappresenta ormai da quattro anni un importante punto di riferimento per gli abitanti della zona che vivono difficoltà economiche. Anche in collaborazione con il Centro ascolto, gestito sempre dalla Parrocchia di Spirito Santo, la mensa offre ben 140 pasti al giorno, grazie al contributo dei tanti volontari che prestano la loro opera all’interno della struttura. Volontari che ogni giorno operano nel silenzio, contenti per una volta che la politica torni ad occuparsi di loro e soprattutto volga lo sguardo ai tanti cittadini, anche insospettabili, che si rivolgono alla mensa per sopperire ai disagi economici.
Da questo punto di vista, il pulmino di Canale ha il merito di riuscire ad accendere i riflettori su realtà spesso sconosciute, che vivono nell’ombra, ma che offrono un servizio indispensabile per l’intera comunità. Continua a leggere