LINA MEDINA, LA MADRE PIU’ GIOVANE DEL MONDO, EBBE UN FIGLIO A 5 ANNI!

imagedi Stefano Perri – Incredibile ma vero, nel 1939 Lina Medina ebbe il suo primogenito, tramite parto cesareo, all’età di soli 5 anni. Sua madre pensava che avesse un grosso tumore nello stomaco e la portò da un medico che, stupefatto, accertò la gravidanza. Lo stesso medico, tale Dottor Lozada, cominciò subito a mettere da parte la documentazione, compresa una foto e varie analisi, per assicurare che non si trattava di un falso. Era stata portata in ospedale dai genitori perche’ il suo addome stava crescendo troppo. Pensavano fosse un tumore…e invece era incinta di 7 mesi e mezzo! Il bambino, Gerardo, e’ stato cresciuto facendogli credere che Lina fosse sua sorella. A 10 anni ha scoperto che era invece sua madre. Lei e’ nata nel 1933 e, incredibile ma assolutamente vero, gia dopo 8 mesi di vita ha avuto le prime mestruzioni.

image

La puberta’ molto precoce non è una cosa molto comune, ma non e’ nemmeno una cosa nuova. Pare, infatti, che in rarissimi casi possa svilupparsi una pubertà anche in soggetti in tenerissima età . Nel caso di questa bambina forse era cominciata prestissimo tanto che a cinque anni la piccola aveva infatti già il seno.
Una delle possibili spiegazioni che può essere data a questa storia è che nelle aree più povere del continente sud americano è diffusa la pratica di somministrare estrogeni (la cosiddetta estrogenizzazione) agli animali da pascolo che vengono poi macellati e mangiati. La prolungata assunzione di estrogeni può provocare l’anticipo, in qualche caso cosi clamoroso, della pubertà.

Una storia incredibile quella di Lina, che ha sempre rifiutato di dare indicazioni circa il nome del padre del bambino, ovvero del mostro che l’aveva violentata, dichiarando di non sapere neanche lei come fosse successo. Suo padre venne arrestato e poi rilasciato per mancanza di prove. La sua storia divenne così famosa da meritarle una statua nel museo delle cere di New York. Altro che mamma a 14 anni.

ECCO LA NUOVA FIAT “MIO”, CONCORRENTE ITALIANA DELLA SMART

La nuova Concept Car FCCIII Fiat, denominata ‘Mio’, sara’ presentata ufficialmente al prossimo Salone dell’Automobile di San Paolo, in programma in ottobre. Come evidenziano le prime immagini in 3D realizzate dal Centro Estilo Fiat per l’America Latina, diretto da Peter Fassbender , si tratta di una city car estremamente compatta, con due soli posti e proporzioni analoghe a quelle della Smart. La FCCIII e’ frutto di un’accurata ricerca che Fiat Automoveis ha realizzato dialogando con i potenziali clienti e gli esperti dei piu’ diversi settori attraverso la community http://www.fiatmio.cc a cui si sono registrati 14mila internauti di 140 diversi Paesi. Quello della Mio e’ stato definito da Fiat come un progetto ”partecipativo” destinato a mettere in evidenza, dall’analisi di una massa di informazioni relative ad ambiti anche non connessi con l’auto, le linee guida per immaginare e progettare una vettura destinata alle prossime generazioni. Come ben descrivono i numerosi video che sono presenti nel sito, il lavoro di Fassbender e dei suoi collaboratori (allo stile degli interni ha lavorato ad esempio Andre’ Silva Lima e a quello esterno Daniel Vicentini) ha tenuto conto di nuove realta’ fino ad oggi trascurate nelle auto di normale produzione, come il diverso rapporto dei giovani con la telefonia mobile e con le potenzialita’ dei moderni apparati. Fiat Mio e’ stata pensata per una mobilita’ ad impatto zero: anche se al momento non sono state rilasciate informazioni ufficiali sulla tecnologia di propulsione, le notizie ricavabili dal blog http://www.fiatmio.cc lasciano immaginare una soluzione elettrica 100%, con sistemi di ricarica perfezionati rispetto alla Smart EV (gia’ in produzione) ed alla Renault Twizy (che verra’ ugualmente presentata in autunno nella sua versione definitiva per essere lanciata commercialmente nel 2011) le piu’ dirette rivali della nuova Fiat Mio. Il Centro di Ricerche Fiat, di cui fa parte il Centro Estilo dove e’ nata la Mio, e’ uno dei cardini dell’attivita’ della Casa torinese in Brasile. Presente a Betim, nello Stato di Minas Gerais, dal 1976 la Fiat Autom¢veis ha una capacita’ produttiva di 800.000 mila auto all’anno, risultato di investimenti dell’ordine di 5 miliardi di real (2,2 miliardi di euro) al 2010. Lo scorso anno FiatAutomoveis ha prodotto in Brasile 736.973 veicoli, di cui 45.218 destinati all’esportazione.