REGGIO: DOPO IL VOTO L’ANALISI DI MASSIMO CANALE, CHE RINGRAZIA E RILANCIA!

di Stefano Perri (da www.strill.it) – Il giorno dopo di Canale è il giorno dei grazie. Attaccato al cellulare dalla sua segreteria non smette di rispondere a chi lo chiama per complimentarsi per il risultato ottenuto e rilanciare l’impegno per la sfida dell’opposizione.
Un Canale stanco ma assolutamente soddisfatto del risultato, che pur nella sconfitta gli consegna una responsabilità importante quale capo della sua coalizione e dell’opposizione a Palazzo San Giorgio. “Non posso che esprimere enorme soddisfazione – spiega Canale – per il risultato ottenuto, che mi colloca ben dieci punti al di sopra delle liste che compongono la coalizione a mio sostegno”.
E poi inizia la sua analisi della tornata elettorale con un giudizio spietato del dato elettorale riscontrato dal suo avversario Arena. “Assistiamo al crollo del consenso del centrodestra in Città che passa dal 70% della scorse elezioni comunali, consenso plebiscitario consegnato all’allora sindaco Scopelliti, al 56,6% di Demetrio Arena che resta circa dieci punti percentuali dietro le sue liste.” Continua a leggere

REGGIO: ANTONINO LO GIUDICE COLLABORA CON LA DDA E CONFESSA DEGLI ATTENTATI IN PROCURA E A DI LANDRO

attentatopg2Antonino Lo Giudice, il boss della ‘ndrangheta arrestato lo scorso 7 ottobre 2010 su provvedimento emesso dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Reggio Calabria, a firma del Procuratore Aggiunto Dott. Michele Prestipino e dei Sostituti Procuratori Dott. Giuseppe Lombardo, Dott. Marco Colamonici e Dott.ssa Beatrice Ronchi, ha deciso di collaborare con la Dda ed ha dichiarato di essere l’organizzatore degli attentati alla Procura Generale (il 3 gennaio scorso) e all’abitazione del Procuratore Generale Di Landro (il 26 agosto scorso). Lo ha detto all’ANSA il Procuratore della Repubblica di Reggio, Giuseppe Pignatone. Lo Giudice ha detto anche di essere stato lui a fare collocare nei giorni scorsi un bazooka ritrovato davanti alla sede della Dda. ”Questi atti – ha aggiunto – sono gia’ stati trasmessi alla Dda di Catanzaro per le sue valutazioni”. Pignatone ha riferito anche che ”nella notte, su indicazioni dello stesso Lo Giudice, sono state sequestrate 11 armi lunghe. Si e’ anche proceduto all’interrogatorio di Luciano Lo Giudice, fratello di Antonino, che si e’ avvalso della facolta’ di non rispondere”.

REGGIO: DEFINITA LA DISPOSIZIONE DELL’ESERCITO. IL PREFETTO SPIEGA: 75 UOMINI PER 4 OBIETTIVI SENSIBILI

varrattadi Stefano Perri – Definito stamane il profilo del dispiegamento delle forze armate nella città di Reggio Calabria. La decisione è stata presa nel corso del vertice del Comitato Ordine e Sicurezza che ha avuto luogo stamattina presso la Prefettura  di Reggio Calabria.
Alla riunione era presente oltre al Prefetto Luigi Varratta, anche il Colonnello dell’Esercito Francesco Rizzo del 62° Reggimento Fanteria “Sicilia” di Catania. Assieme a loro i Procuratori Giuseppe Pignatone e Salvatore Di Landro oltre ai rappresentanti di Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza.
75 uomini dislocati presso 4 obiettivi sensibili. In particolare è previsto l’impiego di 45 uomini presso il Cedir, 10 sotto casa del Procuratore Salvatore Di Landro, 10 presso la Corte d’Appello e 10 di fronte la Procura Generale. “E’ possibile che vi siano altri obiettivi in questo momento a rischio – spiega a Strill.it il Prefetto Varratta – ma in questo momento non è facile prevederlo. Noi stiamo lavorando affinchè non si verifichino più attentati o intimidazioni. Non è ancora previsto un termine specifico per l’impiego dell’Esercito anche se noi speriamo al più presto di poterlo disimpegnare perché a quel punto vorrà dire che non ce ne sarà più bisogno”.
Continua a leggere

REGGIO: TENTA DI STUPRARE UNA DONNA, INDIANO ARRESTATO A BOCALE

I Carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Reggio Calabria hanno tratto in arresto R.M., indiano, 30 anni, senza fissa dimora, con le accuse di tentata violenza sessuale, violazione di domicilio e lesioni. Alle 3,30 circa di staamne e’ giunta alla Centrale Operativa dell’Arma una richiesta di aiuto da parte di una donna che riferiva di essere stata aggredita in casa nella frazione Bocale II. La donna, trentenne di Reggio Calabria, era in strada ed ha riferito di essere stata aggredita in casa da un uomo che probabilmente era ancora all’interno dello stabile di due piani. La vittima, essendo riuscita a divincolarsi aveva, chiuso il portone che, essendo difettoso, anche dall’interno poteva aprirsi solo con le chiavi. Entrati all’interno della palazzina, infatti, i militari hanno trovato l’uomo. Da diverso tempo l’uomo era stato visto aggirarsi nella zona poiche’ dimorava in rifugio di fortuna poco distante, ma ne era stato allontanato dal proprietario (che abita l’altro appartamento della palazzina), poiche’ avrebbe provato in alcune occasioni ad accedere nello stabile. L’uomo era comunque rimasto sempre in zona e probabilmente aveva riprovato ad accedere nel vano scale o sul terrazzo, tanto che proprio ieri mattina la donna si era accorta ed aveva segnalato al proprietario dell’immobile che erano state rubate le chiavi di accesso al terrazzo. Ieri notte l’indiano aveva tentato di avvicinare la donna, la quale terrorizzata lo aveva invitato a lasciare lo stabile. L’uomo, incurante delle preghiere della donna, l’ha raggiunta e, entrato in casa con la forza, l’ha bloccata e palpeggiata. Lavittima ha trovato la forza di reagire e dopo alcuni tentativi e’ riuscita a divincolarsi e a gchiamare i carabinieri. La donna ha riportato solo lievi ferite a seguito della colluttazione ed e’ in stato di shock. L’uomo e’ stato tradotto questa mattina presso il Tribunale di Reggio Calabria dove si e’ tenuta l’udienza di convalida a seguito della quale il Tribunale Collegiale ha emesso l’ ordinanza di custodia cautelare in carcere.

NDRANGHETA: SEQUESTRATI ALTRI 10 MILIONI DI EURO ALLA COSCA ALVARO

La Guardia di Finanza di ReggioCalabria, proseguendo l’operazione ”Matrioska” del 12 maggio scorso, ha sequestrato beni immobili (4 ville) per circa dieci milioni di euro, alla cosca Alvaro di Sinopoli (RC). I provvedimenti – emessi dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Reggio Calabria su richiesta dalla locale Procura Distrettuale Antimafia – portano a 30 milioni il valore complessivo dei sequestri effettuati quest’anno nei confronti di esponenti della cosca e riguardano il nucleo familiare di Domenico Alvaro, membro dell’omonimo gruppo criminale, condannato, in primo grado, a tre anni di reclusione per aver favorito la latitanza del boss Carmine Alvaro, capo carismatico dell’omonimo consorteria della ‘ndrangheta. L’ingente patrimonio immobiliare, abilmente occultato in zone difficilmente accessibili e mai dichiarato al catasto, e’ stato individuato dai finanzieri attraverso il controllo del territorio anche con elicotteri. Continua a leggere